QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°16° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 20 novembre 2019

Cronaca mercoledì 06 novembre 2019 ore 12:00

Operazione antidroga, in 12 in carcere

Operazione "hinterland", indagini durate due anni. Giro di cocaina. I consumatori hanno aiutato gli inquirenti. Coinvolti stranieri e italiani



PONTEDERA — I carabinieri hanno reso noti i risultati della vasta operazione antidroga che avevamo annunciato essere in corso questa mattina. I militari hanno scoperto un grosso giro di spaccio di cocaina ma anche di hashish ed eroina.

A Pisa, in Procura, il procuratore capo Alessandro Crini, il maggiore Carmine Gesualdo e il maresciallo Nicolo Stella hanno riferito i dettagli di questo lavoro, le cui indagini sono iniziate a novembre 2017. 

L'operazione è stata chiamata hinterland perché a rifornirsi di droga non erano solo pontederesi, anzi, erano consumatori in arrivo da parecchie zone vicine.

Sono state richieste 16 misure cautelari in carcere nei confronti di persone prevalentemente di nazionalità marocchina, due gli italiani coinvolti. 

Il giudice, hanno spiegato in procura, ha accolto la richiesta del carcere per 12 persone. Delle misure in carcere questa mattina ne sono state eseguite sette (sette pusher marocchini in carcere), cinque persone sono irreperibili. Per due persone (una italiana) il giudice ha disposto i domiciliari, per una l'obbligo di firma e un'altra persona (l'altro italiano) l'obbligo di dimora.

Tutti gli arrestati hanno meno di trenta anni. Gli arresti sono avvenuti tutti a Pontedera.

Nel corso delle indagini sono stati sentiti una ventina di acquirenti, i quali hanno riferito ai carabinieri, in caserma, di circa 600 acquisti vicino a locali o in zone appartate attorno a Pontedera. Il procuratore capo ha sottolineato più volte la particolarità dell'indagine che ha visto la collaborazione dei consumatori. Questi 600 acquisti documentati dai racconti dei consumatori hanno costituito uno scheletro importante per risalire a tutta l'organizzazione.

Il procuratore capo ha detto che la maggior parte dei coinvolti sono persone senza fissa dimora e irregolari sul territorio nazionale. I due italiani sono disoccupati.

Durante le indagini, condotte dal Pm Restuccia, sono stati sequestrati circa 160 grammi di cocaina e modiche quantità di hashish. Consumatori che, come ha riferito il maggiore Gesualdo "sono variegati, da studenti a professionisti, anche sopra 40 anni".

Il maggiore Gesualdo ha chiarito che i carabinieri nel corso del tempo si sono trovati a fronteggiare gruppi di spacciatori che rivaleggiavano tra loro per acquisire le varie piazze dello spaccio. Un anno e mezzo fa pubblicammo questo articolo, in cui era tracciata una mappa dello spaccio a Pontedera, ovvero i luoghi dove veniva ceduta la droga.

Gesualdo ha aggiunto che dall'inizio dell'anno, compresi quelli di oggi, sono 35 gli arrestati dai carabinieri per spaccio. Alla luce di questa vasta operazione c'è da chiedersi quanto, già da stasera, sarà diminuito lo spaccio a Pontedera e, appunto, nell'hinterland.



Tag

Un'alleanza con Salvini? Ecco cosa ha risposto Matteo Renzi

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Politica