Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PONTEDERA20°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 18 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Lavoro venerdì 20 gennaio 2017 ore 15:10

"Piaggio, fuori produzione l'X10 e l'Xevo"

Tavolo di confronto tra i sindacati e il presidente Colaninno. Ceraolo (Usb): "Abbiamo bisogno di risposte sul futuro".



PONTEDERA — "Due scooter di casa Piaggio - l'X10 e l'XEvo, non hanno fatto il passaggio da Euro 3 a Euro 4 e quindi andranno fuori produzione". A rivelarlo è l'Unione sindacale di base, che intanto si prepara all'incontro con Roberto Colaninno. 

Un nuovo capitolo della vertenza sta per scriversi con l'incontro, in programma per il 24 gennaio tra i sindacati Fiom, Fim, Uil e Usb e il presidente e amministratore delegato dell'azienda Roberto Colaninno: "Vogliamo risposte su questo inesorabile trasferimento di investimenti e risorse dall'indotto di Pontedera ad altri stabilimenti - spiega il coordinatore dell'Usb Giovanni Ceraolo – perché se da un lato i vertici Piaggio ci dicono che la situazione è stazionaria, dall'altro assistiamo alla progressiva dismissione di alcuni reparti. C'è una incongruenza tra ciò che viene detto dai vertici dell'azienda e la realtà di Pontedera e del suo indotto".

L'incontro si svolgerà alle 11 nel centro direzionale Piaggio, che ha sede nell'omonimo viale. Già a partire dalle 8 i sindacati, insieme a Cobas e ad alcuni dipendenti delle aziende dell'indotto distribuiranno dei volantini a lavoratori e cittadini. Per l'Usb, all'incontro prederanno parte i delegati Simone Selmi, Linda Bernardoni e Alessio Bardelli.

La vertenza sindacale coinvolge anche le aziende dell'indotto Piaggio, prima fra tutte la Ristori. "44 lavoratori hanno ricevuto la lettera di licenziamento -commenta Ceraolo- dunque la situazione della Piaggio non può essere affrontata separatamente a quella della Ristori".

"Situazione - aggiunge il delegato della Usb Piaggio Simone Selmi - che è solo la punta dell'iceberg. I vertici della Piaggio devono prendersi le proprie responsabilità e chiarire una volta per tutte quali sono le intenzioni e quale futuro c'è per i siti italiani".

"Una realtà come la Piaggio a Pontedera - sostiene Selmi- è una risorsa non solo per la città ma per tutta la Provincia. I contatti con l'azienda però sono cessati. Avevamo ricevuto la disponibilità del prefetto per un incontro in prefettura che però ad oggi ancora non c'è stato".

Una situazione, quella della Piaggio e del suo indotto, che non smette di suscitare polemica. "Colpa anche della politica- commenta Daniele Nieri, lavoratore della Ristori- che non ha mai chiesto alla Piaggio di investire sul territorio. Una perdita di tempo e risorse".

Ma a preoccupare i lavoratori è soprattutto il fronte occupazionale. “Non c'è ricambio generazionale -lamenta la dipendente Piaggio Alessandra Benvenuti- i lavoratori vengono usati come merce di scambio per la firma dei contratti di solidarierà, vengono lasciati per mesi a casa senza stipendio”.

“Quello che sta succedendo nell'indotto Piaggio – aggiunge il delegato Cobas Sandro Giacomelli- non è una nefasta successione di eventi, ma una serie di scelte della casa madre”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le telecamere sono già attive per rilevare e permettere di sanzionare i mezzi pesanti che senza autorizzazione attraversano il centro abitato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Carmela Pulvirenti Ved. Valenti

Venerdì 15 Ottobre 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Sport

Cronaca

Cronaca