Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PONTEDERA15°23°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 14 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Rocco Hunt fa visita agli Azzurri in Germania per Euro 2024 e canta nello spogliatoio:

Politica martedì 11 giugno 2024 ore 19:30

Previsioni, numeri e candidati, chi finisce in Consiglio?

La sala consiliare del Comune di Pontedera

Tutto dipenderà dal ballottaggio, ma anche dagli eventuali apparentamenti: Ciampi e Andreoli possono essere decisivi ed entrare nell'assemblea



PONTEDERA — Come sarà il nuovo Consiglio comunale di Pontedera? Presto per dirlo, ma non così tanto. Sicuramente, la certezza arriverà soltanto tra un paio di settimane, quando si sarà svolto il ballottaggio tra il sindaco Matteo Franconi e lo sfidante del centrodestra, Matteo Bagnoli.

Un vero e proprio remake della sfida del 2019, ma con la differenza che, stavolta, il margine tra i due è più ampio. Cinque anni fa, infatti, Franconi e Bagnoli arrivarono al ballottaggio rispettivamente con 7.111 e 5.788 voti, con uno scarto dunque di 1.323. Stavolta, la forbice è di 1.600, con il sindaco a quota 6.938 voti e Bagnoli a 5.338. Decisive, per quanto riguarda il ballottaggio, potrebbero essere state anche le 347 schede nulle, sulle quali però le forze a sostegno di Franconi non hanno rilevato alcuna criticità. Verosimilmente, si trattava in generale di schede mal compilate dall'elettore: un po' come accaduto, nel caso delle elezioni europee, quando qualcuno ha scelto tra le preferenze esponenti delle liste comunali.

La futura composizione del Consiglio, comunque, dipende anche da chi la spunterà. Grazie a una simulazione realizzata dall'amministrazione, però, è possibile capire dove andremo a parare. Naturalmente, si tratta di proiezioni da prendere con le pinze e sulle quali potrebbero esserci, in ogni caso, dei cambiamenti.

Il primo caso è quello riferibile alla vittoria di Franconi, senza alcun apparentamento con le liste Pontedera A Sinistra di Denise Ciampi e Presidio Civico di Alberto Andreoli. In quel caso, la maggioranza sarebbe composta da 10 consiglieri: 7 del Partito Democratico, ovvero Mattia Belli, Marco Salvadori, Rossella Prosperi, Sonia Luca, Francesco Mori, Giovanna Caridi e Floriano Della Bella, due per Corri Con, cioè Emilio Montagnani e Vito Bazi, e il vicesindaco uscente Alessandro Puccinelli per la lista civica partecipata da Azione, Italia Viva, Partito Socialista Italiano e +Europa.

Il sindaco Matteo Franconi

All'opposizione, invece, andrebbero Denise Ciampi e Matteo Bagnoli, quest'ultimo affiancato da Nicolò Stella, Gian Paolo Quercetani, Federica Barabotti e Alessandro Brini. Resterebbe escluso, dunque, Alberto Andreoli.

Discorso diverso, invece, se Ciampi o Andreoli decidessero di collegare la propria lista alla coalizione di Franconi. In questo caso, le alleanze andrebbero formalizzate entro 7 giorni dal voto: Ciampi, forte di oltre 900 voti, potrebbe ambire a ricoprire un ruolo in Giunta, mentre per Andreoli l'apparentamento significherebbe entrare in Consiglio comunale. Voci, però, sembrano dare quasi impossibile un collegamento delle due liste a Franconi.

Se ci fosse apparentamento con uno solo dei due, con la vittoria del sindaco uscente, questi entrerebbero in maggioranza come consiglieri, ridisegnando la composizione della stessa, sottraendo di fatto un posto al PD. Ulteriore ipotesi, forse più remota, in cui entrambi diano il proprio ok a Franconi: in quel caso, sarebbero due i posti sottratti al PD.

Denise Ciampi

Alberto Andreoli

L'altra possibilità è che Bagnoli vinca al ballottaggio, realizzando un clamoroso ribaltone. Ancora una volta, se Ciampi e Andreoli non dovessero far parte della sfida, la maggioranza andrebbe al centrodestra: 7 seggi per Fratelli d'Italia, con Stella, Quercetani, Barabotti, Brini, Donatella Isca, Franco Valleggi e Daniela Luperini; uno per la Lega, con Domenico Pandolfi, per Forza Italia, assegnato a Francesca Morelli, e per la civica Pontedera Al Centro, con Fausto Leoncini.

Matteo Bagnoli

All'opposizione, in questo caso, andrebbero oltre a Franconi, 4 consiglieri dem (Belli, Salvadori, Prosperi e Luca) e Montagnani per Corri Con. Esclusi, in questa circostanza, sia Andreoli, sia Ciampi.

Se, invece, Bagnoli riuscisse a ottenere la maggioranza al voto e ad apparentarsi con uno dei due esclusi, la situazione cambierebbe ancora perché, come nel caso precedente, Ciampi o Andreoli entrerebbero in maggioranza, sottraendo un posto a Fratelli d'Italia. Se, infine, dovesse crearsi un fronte unico con alla testa Bagnoli, e dunque un doppio collegamento con Ciampi e Andreoli, questi ultimi entrerebbero in Consiglio comunale.

Quanto detto sin qui, comunque, deve fare i conti con gli incarichi di Giunta: sia che dovesse vincere Franconi, sia che dovesse spuntarla Bagnoli, nei comuni con oltre 15mila abitanti la nomina ad assessore di un consigliere comporta l'automatica cessazione dell'incarico. Ciò, dunque, libererebbe ulteriori posti per i non eletti.

Pietro Mattonai
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Cordoglio dell'Ateneo senese, dove Ceccanti ha insegnato fino a 78 anni. Nel 1992 fu insignito come Grande Ufficiale al Merito della Repubblica
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

GIALLO Mazzola