Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PONTEDERA10°14°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 04 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Nubifragio nel Messinese, strade allagate e persone intrappolate nelle auto

Attualità lunedì 03 ottobre 2022 ore 18:00

Ali Ndiaye scrive a Giorgia Meloni

Mouhamed Ali Ndiaye
Mouhamed Ali Ndiaye

Il campione di pugilato scrive alla leader di Fratelli d'Italia dopo la vittoria alle elezioni politiche del 25 Settembre. Ecco la sua lettera



PONTEDERA — Nella Giornata della Memoria e dell'accoglienza, che si celebra il 3 Ottobre di ogni anno per ricordare le vittime del naufragio del 2013 al largo di Lampedusa, il pugile Mouhamed Ali Ndiaye, senegalese di nascita e pontederese d'adozione, scrive alla leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni.

Ecco la sua lettera:

"Carissima connazionale, Giorgia Meloni, mi complimento per la sua netta vittoria e anche perché sarà la prima donna a guidare il nostro Paese per cinque anni. Se il governo non cadrà come purtroppo spesso avviene! Sono Mouhamed Ali Ndiaye, un cittadino italiano di origine senegalese. In Italia dal 2000, vivo nella regione Toscana con i miei tre figli, nati in Italia, precisamente a Pontedera, la città del Presidente Giovanni Gronchi, del Campione del Mondo Alessandro Mazzinghi e della Piaggio. Sono stato pugile e campione italiano per due volte e campione della Comunità Europea, ho prestato servizio come volontario presso i Vigili del Fuoco e la Croce Rossa Italiana di Pisa.
Vorrei richiamare la sua attenzione sull'articolo tre della Costituzione Italiana, che lei conosce bene: 'Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali'. Vorrei anche ricordare che abbiamo appreso dalla storia di Hitler e di Mussolini: del male che hanno fatto e seminato nel mondo. Vorrei essere breve senza dilungarmi troppo. Non sono un politico. Carissima Presidente, ci sono immigrati in Italia di diversa provenienza che stanno contribuendo alla crescita economica e culturale del Paese. Ci sono bambini di ogni razza, religione e colore e questa diversità potrebbe essere una ricchezza. A quelli nati in Italia spetterebbe di diritto la cittadinanza italiana. Quindi le chiedo di tenere in considerazione la situazione attuale del nostro Bel Paese, applicando la Costituzione e il diritto umanitario internazionale. Altrimenti affondiamo tutti, perché tutti siamo nella stessa barca. Visto che lei conosce il francese vorrei citare un proverbio senegalese: 'l'homme est un remède pour l'homme'. Solo in senso umanitario e solidale si può mettere in atto la globalizzazione e la mondializzazione. Con questo auspicio, le invio i migliori auguri e i più distinti saluti".

Mouhamed Ali Ndiaye


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Doppio timbro Nicastro-Cioffi in 25'. Nella ripresa Stancampiano para un rigore, poi segna Cerasani: qualche sofferenza, ma i 3 punti sono granata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Sport

Politica