Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PONTEDERA20°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Lavoro lunedì 10 dicembre 2018 ore 10:37

"Sulla trattativa per il contratto nessuna novità"

Così la Rsu Usb in Piaggio riguardo all'ultimo incontro fra sindacati e azienda, svoltosi lo scorso 7 dicembre, sul contratto di secondo livello



PONTEDERA — La Rsu Usb in Piaggio, restando fedele alla sua posizione critica circa gli incontri fra quelli che definisce i "sindacati collaborativi" e l'azienda sul contratto di secondo livello, ha fatto sapere che nell'ultima riunione "per fortuna" non ci sono state novità rilevanti.

"Nella giornata del 7 dicembre - scrivono dall'Usb - si è svolto l’ultimo incontro sindacale sul contratto di secondo livello del gruppo Piaggio, la precedente trattativa risale al 15 Ottobre scorso. In questo lasso di tempo sono stati firmati i contratti di solidarietà in Piaggio e c’è stato l’incontro al Mise per Aprilia in cui è stata prorogata la cassa integrazione a zero ore fino a Gennaio 2020. Nessuna novità rilevante per fortuna. Dopo più di un anno i sindacati collaborativi non sono riusciti ancora a definire neanche le relazioni industriali che, come ricordiamo, occupano circa il 70% della piattaforma presentata".

"L’azienda - prosegue la nota dell'Unione sindacale di base -, dal canto suo, ha parlato di investimenti sia per i nuovi prodotti (nel sito di Pontedera e in quello di Mandello del Lario) sia per quanto riguarda le infrastrutture in modo particolare nello stabilimento di Pontedera. L’azienda in merito alla riorganizzazione dell’ambiente di lavoro e quindi del cambio di layout si è impegnata a convocare la RSU prima del rientro a Gennaio".

"Come USB ribadiamo la nostra posizione - concludono -: portare avanti questa trattativa, che prevede la completa esigibilità del contratto nazionale, è un errore che rischiamo di pagare tutti. Oltretutto la dirigenza continua a chiedere maggiore flessibilità nonostante la produzione sia concentrata, di fatto, solo per 7 mesi l’anno. Il prossimo incontro è previsto per il 17 Gennaio 2019 quando ormai a trattare ci sarà una RSU a fine mandato senza alcuna legittimità a firmare qualsiasi accordo".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La bella storia di due donne che, alle soglie dei 50 anni, apriranno domani una attività legata all'arte diventando imprenditrici
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Cronaca

Attualità