Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:PONTEDERA15°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 14 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Elezioni martedì 21 maggio 2019 ore 07:30

Scontro con Millozzi, Toncelli rilancia

La candidata dopo la querelle sull'immobile confiscato alla mafia: "Mettere a tacere l'avversario minacciando querele è nel Dna di questa sinistra"



PONTEDERA — Fabiola Toncelli ha risposto al sindaco Simone Millozzi dopo che questi le aveva detto di esigere delle scuse in merito a un intervento video della stessa Toncelli, che metteva in discussione l'operato dell'amministrazione relativamente a un immobile confiscato alla mafia.

"Tentare di intimidire e mettere a tacere l'avversario politico minacciando querele è nel Dna di questa sinistra. Alle spalle di Fabiola Toncelli c'è un gruppo intero che lavora e che non arretrerà mai né di fronte a certe lusinghe né alle minacce. I fatti sono quelli citati: un immobile prima sequestrato e successivamente confiscato alla Ndrangheta è finito all'asta, piuttosto che essere utilizzato per finalità sociali come la legge consente e Avviso Pubblico prevede.

Il Sindaco pubblica i documenti dimostrando che al tempo ne aveva fatto regolarmente richiesta ma omette di pubblicare le risposte del diniego. Nel secondo documento si legge "nonostante il parere favorevole"... ecco appunto: come mai nonostante il parere favorevole l'immobile non è stato incamerato e quindi utilizzato dal comune? È evidente che qualcuno ha operato male, se non il comune, a livello superiore, non certo il Movimento 5 Stelle Pontedera.

Anziché minacciare querele alla sottoscritta, avrebbe fatto bene il sindaco ad attivarsi e alzare la voce con chi di dovere perché di fatto il Comune ha perso un'occasione per dare un po' di sollievo a chi di quell'immobile aveva bisogno, che non è certo colui che si è aggiudicato l'asta nel silenzio più totale delle istituzioni. Sappiano tutti che continuerò a denunciare con forza tutto ciò che riguarda i miei concittadini e la collettività; di contro mi aspetto risposte esaurienti, non minacce o querele. Del resto potrebbero fioccarne a volontà anche da parte nostra, per aggettivi ed epiteti con i quali siamo stati ripetutamente etichettati da parte della maggioranza. Un immobile della Ndrangheta c'era, a fini sociali non è stato utilizzato e all'asta è stato battuto senza che un euro entrasse nelle casse comunali.

Le chiacchiere stanno a zero, qui non siamo a Stalingrado e l'opposizione non è un servo muto; Pontedera è diventata la piazza principale dello spaccio, la sanità pubblica è gestita come Botteghe Oscure, non c'è un lavoro pubblico andato a buon fine, i piaggisti salgono sul tetto, non prendiamo un decimo dei soldi che l'Europa ci mette a disposizione perché nessuno è capace di interloquirci e lei si preoccupa di me che tento di fare chiarezza e informare i cittadini su un fatto del quale nessuno era a conoscenza. Ecco, piuttosto questo dovrebbe preoccuparla".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dei 36 nuovi casi positivi di oggi comunicati dalla Usl dieci sono stati registrati a Ponsacco e altri dieci a Pontedera
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Sport

Cronaca