QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 18°26° 
Domani 15°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 21 settembre 2018

Attualità lunedì 07 dicembre 2015 ore 11:40

Sfratti in provincia, la situazione

Il presidente della Commissione Cecchi: "Su 234 casi risolti un po' meno del 50 per cento. Apes metterà a disposizione nuove case popolari"



PONTEDERA — Sono 234 i morosi incolpevoli nella provincia di Pisa e molti di loro possono dirsi adesso più tranquilli.

Marco Cecchi, assessore alle politiche abitative del Comune di Pontedera ricopre anche la carica di presidente della Commissione territoriale sfratti.

La Commissione si è riunita in prefettura giovedì 3 dicembre: “E' stato approvato l’elenco delle famiglie, circa 234 complessivamente in tutta la Provincia, che sono sottoposte a procedure di sfratto per morosità incolpevole e che, dal 16 settembre al 16 novembre, si sono rivolte ai Comuni per utilizzare i contributi regionali per risarcire i proprietari degli alloggi o per pagare la stipula di un nuovo contratto in un'altra abitazione. Grazie a questi contributi in tutta la Valdera su 40 domande pervenute è stato possibile risolvere fino ad oggi ben 16 casi di sfratto”.

I fondi regionali saranno ridistribuiti a seconda delle necessità: “La Commissione ha chiesto ad Apes, che per conto della Regione liquida i contributi, di riassegnare i fondi non spesi dai singoli Comuni a favore delle situazioni territoriali più difficili (Pisa con 100 casi, Cascina con 36 e la Valdera con 40 in primis) e ha cominciato un lavoro di analisi, caso per caso, con i Servizi sociali, per trovare anche soluzioni alternative, in caso di fallimento delle trattative con i proprietari e dopo aver tentato l’autonomo reperimento di altri alloggi sul mercato privato”.

Spiraglio anche per nuove case popolari: “In particolare è stato chiesto uno sforzo supplementare alle Agenzie casa presenti sul territorio. Apes ha anche fornito un piano di lavoro per rendere disponibili nei prossimi 90 giorni un elenco di circa 45-50 alloggi popolari dei quali almeno una decina da assegnare in base all’emergenza abitativa. Le nuove case popolari saranno distribuite su tutta provincia, con una concentrazione più alta tra Calambrone e Sant'Ermete, nella zona di Pisa”.

Notizia positiva in arrivo dalle aule del tribunale: “E' arrivata venerdì mattina, si tratta del respingimento da parte del Tar del ricorso di Confedilizia sul decreto prefettizio di settembre che aveva temporaneamente sospeso l’esecuzione di quegli sfratti per i quali erano in corso trattative per il passaggio da casa a casa. La Commissione fornirà dunque nei prossimi giorni un piano dettagliato alla Prefettura per tentare una gradazione nell’esecuzione degli sfratti ancora pendenti. Infatti malgrado il lavoro svolto negli ultimi mesi rimane ancora una situazione complessivamente difficile da gestire. E questo è senza dubbio un argomento che la Commissione pone all’attenzione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, che in una riunione che si terrà in settimana dovrà valutare numerose emergenze legate al periodo natalizio e alla situazione nazionale (Giubileo e allarme terrorismo)".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Politica

Attualità