QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 10 dicembre 2019

Attualità lunedì 25 aprile 2016 ore 17:30

Vespa, "Lavoratori esclusi dalla festa"

Marcello Casati parla dei 70 anni della Vespa

Il sindacalista Ulip Marcello Casati chiede agli organizzatori i motivi del mancato coinvolgimento dei dipendenti. Poi se la prende con Renzi



PONTEDERA — La festa per i 70 anni della Vespa è passata, fra pioggia, qualche polemica e molti eventi. All'indomani delle celebrazioni è il sindacalista di Uilp Marcello Casati a tornare sull'argomento.

Il sindacalista sottolinea quello che è stato, a parer suo, il mancato coinvolgimento dei lavoratori Piaggio: il suo intervento solleva anche degli interrogativi rivolti agli organizzatori del festa. Domande cui Casati si aspetta una risposta.

"Più di una persona mi aveva invitato a scrivere qualcosa - spiega - sugli organi d'informazione locali, per evidenziare e valorizzare il contributo dato dai dipendenti durante questi settant'anni nei quali, la Vespa Piaggio, è stata e ancora oggi continua ad essere, un simbolo per il nostro Paese".

Casati dichiara di aver preferito attendere la fine delle celebrazioni per evitare di compromettere un momento comunque importante per la città. Ogni atteggiamento di rifiuto sarebbe altrimenti stato "Un atto scellerato nei confronti dei componenti del Vespa Club, a mio avviso, che tanto hanno lavorato per avere questa memorabile giornata per Pontedera e la Toscana".

Ma oggi il rappresentante non nasconde una certa delusione, ad esempio per il "Contributo assai marginale da parte dell'attuale proprietà della Piaggio".

"Speravo - scrive Casati - che almeno in parte l'uomo delle feste e dell'Expo coinvolgesse i rappresentanti dei lavoratori e alcuni di essi per parlare anche del presente e del futuro che, purtroppo non è per niente roseo".

Casati pone quindi domande ben precise agli organizzatori, affermando di raccogliere in tal modo le istanze di cittadini, ex dipendenti e attuali dipendenti Piaggio: "Erano di disturbo e una cosa insensata - chiede Casati - se durante la serata di gala a invito di venerdì 22, venivano invitati alcuni lavoratori ed ex dipendenti che hanno lavorato una vita tra quelle mura?"

E ancora: "Non sarebbe stato saggio e doveroso, far leggere due righe, dicasi due righe, a un rappresentante di coloro che, per giorni e giorni, spalarono la melma per ripulire e riattivare lo stabilimento alluvionato? Non sarebbe stato seggio e utile coinvolgere i rappresentanti dei lavoratori della Piaggio e tentare di ricucire, in questa importante giornata, un rapporto venuto meno con la città di Pontedera, un tempo forza determinante nei momenti difficili?"

"Passati i festeggiamenti - conclude il sindacalista - per continuare a stare con i piedi per terra e speriamo anche dentro lo stabilimento, per altri settant'anni, se non vi disturbiamo gradiremmo alcune risposte. Infine, su alcune affermazioni fatte dal presidente Renzi, rispetto alla Vespa e al futuro di Pontedera, durante la sua visita allo stabilimento Piaggio, è meglio stendere un velo pietoso non tanto nel rispetto della persona, ma in rispetto alla carica istituzionale che egli ricopre".



Tag

Manovra, Fico: "Tempi troppo stretti, non e' tollerabile"

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità