QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°22° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 14 ottobre 2019

Politica domenica 10 marzo 2019 ore 12:00

La gaffe della Toncelli fa discutere

Fabiola Toncelli

Il M5s dice che si riferiva ad un post PD ma è evidente che il riferimento testuale era a Progetto Pontedera che replica. Interviene anche Della Bella



PONTEDERA — "Una gaffe incredibile quella della candidata Toncelli. Non tanto per essersi rivolta al partito sbagliato quanto per aver proprio ignorato l’indirizzo".

E' netta la replica di Progetto Pontedera, lista nata da Leu che appoggerà Matteo Franconi ( Pd ) nella corsa a sindaco, alle affermazioni della candidata a sindaco del M5s Fabiola Toncelli che, nel contestare le critiche mosse contro di lei da Progetto Pontedera ha citato esclusivamente il Pd, tanto che il titolo del suo intervento è "Pd ritenta, sarai meno fortunato".

Intanto il M5s cerca di aggiustare il tiro e tira in ballo anche la nostra testata parlando di "Titolo fuorviante" per l'articolo su Fabiola Toncelli:"Gli attacchi sono venuti anche dal Pd" ( che aveva fatto un post su facebook il giorno 8 marzo, visibile qui sotto ) anche se l'intervento della Toncelli, correttamente pubblicato da QuiNewsValdera in maniera integrale, è riferito quasi esclusivamente alla presa di posizione di Progetto Pontedera.

E Progetto Pontedera, con Il portavoce Stefano Gini, assieme ad una altra esponente della lista, Elena Nencioni, ha voluto rimarcare la propria cultura politica e controbattere:

"Progetto Pontedera è un movimento che trae esistenza e programma proprio dai quartieri: è lì che trova linfa e protagonismo. Molti dei compagni che sostengono Progetto Pontedera vivono nei quartieri tutti i giorni con i bambini e li aiutano a superare difficoltà grandi e piccole, sono di sostegno alle madri che lavorano o che faticano ad arrivare a fine mese. Stiamo con le famiglie dei precari e dei disoccupati e, pur non avendo mezzi, li aiutiamo a vivere con maggior dignità. Stiamo con gli anziani, nei quartieri, cercando di dar loro un obiettivo motivandoli ad essere ancora cittadini a pieno titolo e determinanti supporti non solo in famiglia ma anche fuori di essa.

Stiamo con chi non ha casa, identità, certezza per sostenerlo nella battaglia per la propria sopravvivenza e per il proprio futuro.

I compagni che sostengono Progetto Pontedera vivono tutti i giorni i drammi delle donne sfruttate, picchiate, mutilate, offese e le sostengono nel ricrearsi una identità e una ragione di vita.

Stanno con i bambini disabili e ne promuovono l’integrazione e la socializzazione."

"Ecco perché Fabiola Toncelli ha proprio sbagliato indirizzo" - dicono ancora da Progetto Pontedera aggiungendo, col portavoce Stefano Gini che si rivolge direttamente alla candidata sindaco dei Cinque Stelle:

"Può darsi che il PD non sia il miglior compagno di avventura….anche noi non ne siamo certamente entusiasti…..il concetto di autosufficienza esaltato per anni, ha fatto danni incalcolabili e ridotto la sinistra ad una babele. Ma c’è PD e PD e quello che ha amministrato Pontedera è un partito di gente onesta, operosa, preparata…lontanissimo parente di quello spocchioso e arrogante che noi abbiamo combattuto alle politiche di Marzo.

Per questo stiamo insieme. Perché siamo in grado di incidere sul programma di legislatura e dettare priorità imprescindibili su un futuro più vicino ai deboli e agli sconfitti di oggi.

Una ultima cosa….non ho estrapolato proprio niente…la sostanza del pensiero da Lei espresso si avvicina molto a quello della destra. Niente di male…ma abbia il coraggio di ammetterlo….la battaglia politica sarà senza esclusioni di colpi ma a viso aperto, con rispetto per l’avversario che si misura sui contenuti e non sui dogmi".

Sull'argomento da registrare anche la presa di posizione del segretario comunale Pd Floriano Della Bella:

"Un vecchio adagio, attribuito a Pietro Nenni, recitava:” la politica non può farsi coi sentimenti ... figuriamoci coi risentimenti”. Lo ricordiamo perché il “risentimento”, e il risentimento verso il PD in particolare, sembra essere la cifra principale della cultura politica dei Cinque Stelle. In alcuni passaggi della nota di accompagnamento alla presentazione della candidatura di Toncelli, nell’indicazione dei limiti del centrosinistra di governo, si intravedono addirittura le note autobiografiche di alcuni.

Si tratta di un sentimento talmente forte che ad ogni critica a loro rivolta la replica viene indirizzata istintivamente al Pd anche quando l’accusa viene da altre fonti.
Costruire una piattaforma politica alimentando i sentimenti di acredine, rivalsa e insoddisfazione sociale, non basta per governare.Non basta a fare una proposta, tantomeno una proposta per la città. Quanto avviene al Governo Nazionale ne è la dimostrazione più lampante. La risultante non può che essere lo spostamento a destra delle politiche: sui diritti civili e sociali, nel linguaggio come nella pratica democratica. Tutto ciò con buona pace per i propositi di inclusione e partecipazione che i cinque stelle dichiarano di voler perseguire. Hanno ragione i compagni di Progetto Pontedera: il disfattismo porta a destra e questo peraltro è sotto gli occhi di tutti, è quanto avviene nel Paese, con Di Maio e i grillini ostaggio della Lega di Salvini.
Il Partito Democratico ha rispetto e considerazione per coloro che votano i 5 stelle e per il loro attivisti ma questo non ci impedisce di evidenziarne i limiti dell’impostazione, la vaghezza e l’ inconcludenza delle formule, le contraddizioni e le ipocrisie delle posizioni. Non necessariamente questo deve produrre reazioni isteriche e scomposte. Si tratta di dialettica politica e anche questo è un BENE COMUNE."



Tag

Quota 100, Salvini: «Se la aboliscono per tornare alla legge Fornero, ci barrichiamo in Parlamento»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità