QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 10°12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 18 novembre 2019

Politica lunedì 07 luglio 2014 ore 15:22

"Inopportune le parole di Pirri sui gazebo"

Antonio Pasquinucci
Antonio Pasquinucci

Il segretario del Pd Antonio Pasquinucci dopo le dichiarazioni del vicesindaco Angela Pirri interviene in appoggi di Millozzi



PONTEDERA — Il terremoto continua, ora anche la segreteria del Partito democratico interviene sulla questione dei gazebo dopo le parole di apertura del vicesindaco Angela Pirri e non le fa sconti, schierandosi sulle stesse posizioni del sindaco Simone Millozzi che nella nota di venerdì ha sconfessato le intenzioni del suo vice e la ha richiamata all'ordine su metodi e concetti.

Antonio Pasquinucci, il segretario del Pd pontederese infatti dice: “La frenesia con la quale opposizioni, associazioni di categoria e osservatori si sono dedicati alla vicenda dei gazebo è ampiamente giustificata ma, devo dire, altrettanto sovradimensionata. Non lo dico per dovere d'ufficio. Evidentemente la giunta deve registrare ancora le modalità di confrontarsi al proprio interno”.

Pasquinucci entra nel merito dell'effetto che tutto questo ha avuto per il partito e la giunta e speiga: “Confrontarsi pubblicamente è un fatto inedito per le forze di governo della città e, personalmente, ritengo anche controproducente. Non tanto per l'immagine di serietà del partito, che ovviamente ne esce compromessa ma anche per il conseguimento degli obiettivi dichiarati”.

Poi l'attacco a Pirri: “In questo senso le dichiarazioni del vicesindaco Angela Pirri sono state oggettivamente inopportune, politicamente intempestive. Giusto che il sindaco Millozzi, che ne ha titolo per effetto del mandato ricevuto direttamente dai cittadini e per le prerogative di legge, richiami i propri collaboratori alla condivisione di un metodo. L’alternativa è uno scenario scomposto nel quale la politica non è in grado di offrire indicazioni chiare. La novità introdotta da Renzi nello scenario politico nazionale, ma egli ne aveva dato testimonianza anche nell’esperienza di sindaco di Firenze, parla anche questo linguaggio di chiarezza: ad ognuno secondo il ruolo e le responsabilità. Oltretutto metodo e merito– continua Pasquinucci - sono strettamente connessi, sopratutto quando in ballo ci sono equilibri e interessi divergenti. L'equilibrio attuale, faticosamente costruito negli anni ha avuto origine infatti da una stagione nella quale a prevalere erano le esigenze dei residenti, l'esasperazione per i fenomeni di schiamazzo, confusione fino a tardi e la necessità di contenere fenomeni degenerativi legati all'intrattenimento, sopratutto all'esterno dei locali”.

“Ovviamente questi processi – spiega Pasquinucci - e gli aspetti che ne derivano, mutano nel tempo, secondo gli scenari e le condizioni che si presentano. La crisi economica ci impone di guardare con occhi diversi alle esigenze dei commercianti. Non a caso durante gli incontri svolti durante la campagna elettorale con le associazioni di categoria, il candidato sindaco e il Pd avevano manifestato la disponibilità a avviare un tavolo di confronto al quale portare la disponibilità a modificare il regolamento in cambio di responsabilità e impegno a governare questa partita. Non a caso, al termine della passata legislatura si era iniziato a ragionare di come costruire questo percorso cercando di connetterlo ad esigenze di omogeneità, riqualificazione complessiva e promozione del centro commerciale naturale”.

Insomma quello di Pirri per il segretario del Pd è stato un modo di affrontare l'argomento troppo frettoloso che rischi a di compromettere un percorso: “Come era prevedibile attendersi l’anticipazione di questa discussione in termini obiettivamente troppo sbrigativi ha prodotto come effetto immediato il risveglio di quelle opposizioni ancora provate dal deludente responso elettorale, alimentando aspettative inconciliabili con le esigenze di equilibrio complessivo, sollecitando visioni parziali e di corto respiro. Sono certo che la pausa estiva, il necessario rodaggio che segue gli slanci iniziali, ma sopratutto la capacità di sintesi del sindaco, sapranno ricondurre la discussione sul giusto binario, riportando alla consueta misura il dibattito nella giunta e nella maggioranza, dando seguito agli impegni per i quali, con largo consenso e in continuità con la precedente esperienza, i cittadini hanno confermato la loro fiducia al sindaco Millozzi e complessivamente alla proposta politica del centrosinistra”.  



Tag

Maltempo, il Sieve esonda a Pontassieve: strade allagate e auto sommerse

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Cronaca

Cronaca