QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 10°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 14 dicembre 2019

Lavoro mercoledì 25 dicembre 2013 ore 13:00

​Regali Natale, ogni famiglia spenderà solo 130 euro

Questo, secondo Confcommercio Pisa, il budget per i pensierini sotto l’albero. A fine anno ancora di più acquisti e vacanze al risparmio



PROVINCIA DI PISA — Meno soldi per i pensierini e meno pacchetti sotto l’albero. In linea con il Natale 2012, anche quest’anno i cittadini della provincia di Pisa non spenderanno molto per i regali. Secondo Confcommercio Pisa, sarà di 130 euro a persona il budget a disposizione di ciascuno.

La crisi economica, la perdita di posti di lavoro, il calo dei consumi e l’aggravarsi dell’imposizione fiscale sembrano quindi aver peggiorato ulteriormente la propensione agli acquisti dei pisani. Sale infatti dal 26 al 31% la percentuale di coloro che, pur non rinunciando agli acquisti di Natale, alla fine dei conti spenderanno complessivamente meno di 100 euro. Un calo dei consumi che coinvolge tutte le tipologie di esercizi commerciali, soprattutto i piccoli negozi e magari nelle zone periferiche. Un pisano su due acquisterà capi di abbigliamento da regalare, anche se solo il 25% di loro si dichiara disposto a spendere più di 100 euro.

Nessuna crisi, invece, per la fascia alta della clientela, che non rinuncia alle vacanze di Natale e di Capodanno. Più problemi invece per il target medio e basso, dove la crisi costringe a scelte più drastiche. Con la chiusura di Sharm el Sheikh, come meta delle ferie invernali i pisani scelgono in prevalenza la Spagna, le Canarie, i classici Caraibi oppure, soprattutto per Capodanno, le grandi capitali europee come Parigi, Londra, Vienna.

In crisi anche i prodotti della tradizione, resistono ancora pandoro e panettone e si vendono con una certa frequenza le classiche confezioni di cioccolatini.



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cultura

Attualità