QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°15° 
Domani 11°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 22 novembre 2019

Cronaca mercoledì 05 giugno 2013 ore 10:05

Sciopero alla Piaggio, gli operai Fiom bloccano la Toscoromagnola



Manifestazione a sorpresa dei lavoratori Piaggio per rivendicare elezioni democratiche delle rsu



Pontedera - Gli operai hanno manifestato per oltre due ore per protestare contro il mancato pagamento di una parte, stimata in 1250 euro, del premio di produzione 2012, a fronte di 33 milioni di utile del gruppo guidato da Colaninno e distribuiti agli azionisti. Gli operaio della Fiom oltre cento, che hanno dato vita a un corteo che ha attraversato la stazione ferroviaria e raggiunto la via Toscoromagnola bloccando il traffico per oltre 30 minuti, hanno protestano anche contro la ripartizione dei seggi dell'rsu prevista dall'azienda, dove Piaggio sulla base dei vecchi accordi vorrebbe riservare un terzo dei posti della rappresentanza sindacale ai sindacati minoritari dei metalmeccanici: Fim, Uim e Ugl. Secondo gli operai di Fiom questa è una ripartizione non democratica in quanto non si può andare a votare e poi riservare una parte dei seggi anche a chi potrebbe non averne diritto sulla base del voto uscito dalle urne. Secondo le rsu Piaggio aderenti alla Fiom questa è un'operazione dell'azienda per arginare il sindacato dei metalmeccanici della Cgil, che alle prossime elezioni altrimenti potrebbero arrivare anche ad avere una maggioranza assoluta. Al momento i seggi disponibili in Piaggio sono 30 o 32 e i lavoratori divisi su due collegi, quello operai e quello impiegati, voteranno il prossimo 24 e 25 giugno. Insomma è subito scontro tra Fiom e la proprietà anche sul metodo di costituzione dell'rsu. la rivendicazione di delle tute blu della Fiom sulla ripartizione dei seggio troverebbe giustificazione nei recenti accordi siglati a livello nazionale dalle segreterie confederali e la Confindustria. Una contrapposizione che da qui al giorno del voto potrebbe inasprirsi, visto che Fiom non è disposta a mollare e chiede attraverso scioperi e manifestazioni elezioni democratiche, dove i seggi vengono assegnati con un sistema proporzionale sulla base dei voti ottenuti durante le consultazioni.


Tag

Mes, Di Maio: «Nessuno scontro con Conte»

Ultimi articoli Vedi tutti

Imprese & Professioni

Attualità

Attualità

Attualità