QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 19°34° 
Domani 16°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 22 agosto 2019

Lavoro venerdì 21 marzo 2014 ore 15:44

​Serve una scossa per far ripartire l’economia. Caschi gialli in piazza

Operai e mezzi delle costruzioni manifestano sui lungarni di Pisa il 3 aprile per chiedere più lavoro vero e meno nero, più credito e meno tasse



PROVINCIA DI PISA — Farsi sentire dai palazzi del potere locale e dare il segnale che il mondo che ruota intorno alle costruzioni è allo stremo. Questo l'obiettivo della manifestazione organizzata da Cna di Pisa che giovedì 3 aprile vedrà scendere in piazza i mezzi e gli operai che a causa della crisi economica sono fermi nei cantieri.

La settimana prossima quindi una provincia smetterà di costruire e si muoverà per far tremare i lungarni a Pisa che il 3 aprile diventeranno gialli, come i caschi "appesi al chiodo" dai lavoratori del settore costruzioni.

Con l'adesione di tutte le Unioni (le categorie produttive in cui è articolata la Cna) che hanno espresso solidarietà per questa iniziativa e per questo la presidenza provinciale ha deciso di trasformarla in una manifestazione di tutte le imprese. I problemi e le richieste sono infatti largamente condivisi: più lavoro vero e meno lavoro nero, più legalità e meno burocrazia, più credito e meno tasse. L’appello alle istituzioni locali e nazionali è chiaro: serve una scossa per far ripartire l’economia, non è più tempo di parole e promesse. Deve arrivare il tempo dei fatti, delle riforme che servono alle imprese e ai lavoratori e non alle consorterie che hanno affondato il paese.

Con queste parole d’ordine il presidente provinciale Cna Pisa Andrea Zavanella, Andrea Di Benedetto vicepresidente nazionale, i membri della presidenza provinciale Elena Fariello, Matteo Giusti, Michele Spagnoli e i presidenti e dirigenti delle Unioni e delle aree zonali e il direttore generale Cna di Pisa Rolando Pampaloni.


Una manifestazione per “far vedere che siamo disposti a lottare – spiegano Barbara Vannini, presidente Cna Costruzioni e Marco Ammannati presidente Cna Impianti – Vogliamo mettere su questa prima protesta pubblica e visibile, per porre al centro del dibattito locale anche le nostre priorità. E cercheremo di coinvolgere anche i sindacati dei lavoratori perché siamo tutti sulla stessa barca. Una protesta che rappresenta non solo la denuncia che qualcosa di più a livello locale può essere fatto, mentre ci sono troppi sordi che fanno finta di non sentire o peggio ancora adottano politiche che tagliano fuori le imprese locali a favore di soggetti che vengono da fuori. E non sempre questi soggetti sono portatori di interessi sani, capacità e professionalità, ma anzi tutto il contrario. Il gigantismo negli appalti e nei global service è un fenomeno che genera nuove povertà, fa perdere professionalità alle imprese e il contatto con la realtà alle stazioni appaltanti che saranno sempre più ostaggio di poche centrali decisionali. Si perdono di vista le vere esigenze dei territori e la forza che possono esprimere. Il comparto costruzioni, impianti, edilizia continua a perdere fatturato, occupati e lavoro. I bilanci delle imprese si gonfiano di immobili invenduti, di creditori sempre più lontani da raggiungere mentre i fornitori sono sempre più vicini e pressanti. La nostra protesta rappresenta anche però la speranza di invertire la rotta, di favorire il lavoro delle famiglie e di vedere cominciare il nuovo anno sotto nuovi auspici e una nuovo vigore. Diamo una scossa, portiamo i nostri mezzi in piazzaè la parola d’ordine che daremo”.

“L'Italia deve ritornare a essere un Paese che progetta, che investe, che lavora e che produce per questo bisogna difendere e diffondere la cultura d'impresa ad ogni costo – aggiunge Andrea Zavanella, presidente Cna provinciale – milioni di artigiani e di piccoli imprenditori chiedono maggiori accesso al credito, puntualità dei pagamenti, una burocrazia meno asfissiante, possibilità di lavoro per sé e per i propri dipendenti. Quello che ci tocca subire tutti i giorni sono invece Global Service, appalti discutibili e con meccanismi che premiano le grandi imprese, gare al massimo ribasso (e al massimo di stupidità), assalti delle Multiutility a mercati da sempre appannaggio delle piccole imprese, adempimenti senza senso e costosi per le imprese. La manifestazione è aperta a tutte le organizzazioni sindacali e di categoria che vogliono aderire, è un problema che è di tutti e ci apre importante coinvolgere nella protesta tutti i soggetti coinvolti, lavoratori e imprenditori. La nostra non è una protesta corporativa perché non c’è solo il nostro interesse particolare di imprese in gioco, ma c’è anzi l’intesse generale di tutto il Paese”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca