Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PONTEDERA16°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 16 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità domenica 10 maggio 2015 ore 09:30

Sì alle rondini, no ai fuochi vicino ai boschi

Pronte due ordinanze del sindaco per la tutela degli animali e la salvaguardia del territorio. Vigilerà la polizia, rischio multe salate



SANTA MARIA A MONTE — Vietato distruggere, rimuovere o danneggiare i nidi di rondine, balestruccio e rondone, e vietato anche accendere fuochi troppo vicini a boschi e sterpaglie. Questo il senso delle due ordinanze emanate dal sindaco Ilaria Parrella a tutela della specie animale e del paesaggio.

I cittadini del comune sono quindi tenuti a tutelare i nidi di rondini, balestrucci e rondoni, e anzi anche a proteggerli. Sarà la polizia municipale a controllare che il provvedimento venga seguito.

E' poi vietata l'accensione di fuochi, l'abbruciamento di residui vegetali, l'uso di scintille a fiamma libera che possano produrre scintille, l'accumulo o lo stoccaggio all'aperto di fieno, paglia o materiali facilmente infiammabili nella fascia di terreno contigua ai boschi e aree assimilate di larghezza pari a 50 metri nei periodi non definiti a rischio di incendio dal primo settembre al 30 giugno di ogni anno e di larghezza pari a 200 metri, nei periodi definiti a rischio di incendio dal primo luglio al 31 agosto di ogni anno.

L'orario in cui tali comportamenti sono consentiti è dalle 5 alle 10.

E' inoltre vietato accendere fuochi a una distanza inferiore di 30 metri dalle abitazioni, dalle piantagioni, dalle siepi e da qualsiasi altro deposito di materiale combustibile. E' necessario utilizzare spazi ripuliti, isolati da materiale infiammabile e lontano da cumuli di vegetazione secca e adottare le cautele per evitare la propagazione del fuoco e di faville alla vegetazione spontanea o coltivata in relazione alla combustibilità della stessa ed alle condizioni climatiche e di ventosità. Deve essere garantita la costante sorveglianza del fuoco fino al suo completo spegnimento. L'accensione di fuochi non deve essere effettuata in presenza di vento intenso e i fuochi devono avere dimensioni minime.

Chiunque viola quest'ordinanza, sarà soggetto a sanzioni che andranno dai 100 ai 500 euro.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Numeri ancora alti quelli sui nuovi contagi giornalieri, ma nella zona tra Valdera e Valdicecina nelle ultime ore ci sono state 85 guarigioni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità