QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 10 dicembre 2019

Politica domenica 06 luglio 2014 ore 08:30

​Sociale, si ripete l’esperienza dei voucher lavorativi

Del Grande ripropone anche per l’estate lo strumento che aiuta persone svantaggiate in cambio del loro contributo in lavori socialmente utili



SANTA MARIA A MONTE — Un contributo economico in cambio di un lavoro socialmente utile. Nel 2014 si ripete a Santa Maria a Monte l’esperienza dei voucher lavorativi offerti dal Comune a cittadini in carico ai servizi sociali. A dirlo è il vicesindaco Manuela Del Grande, che valuta positivamente l’esperienza passata e, vista la situazione di disagio socio-economico in continuo aumento e le numerose richieste di aiuto che arrivano al suo assessorato, decide di riproporla anche nei prossimi mesi dell’estate mettendo a disposizione 25 ore settimanali per 4 persone.

“Impegnare alcuni disoccupati in lavori socialmente utili, come quelli relativi alla manutenzione degli edifici scolastici – ha spiegato in una nota stampa Del Grande – è una gratificazione per chi ha questa opportunità di sentirsi necessario verso la collettività, dando il proprio contributo”. Le persone che verranno individuate, nel periodo estivo svolgeranno quindi mansioni utili affiancati da operai comunali esperti. Ogni settimana, a partire da questa, quattro persone seguite dall’ufficio sociale presteranno servizio per 5 giorni lavorativi per un totale di 25 ore ciascuna.

“E’ un dare e ricevere – ha commentato il vicesindaco – una forma di collaborazione affinché i soldi siano frutto di attività lavorativa e non di semplice assistenzialismo. Questo sano principio è frutto di una attenta riflessione ed una volontà politica per dare un segnale di solidarietà. Tale scelta – ha concluso – non è certo il rimedio di tutti i mali, ma sicuramente essere impegnati, seppur per poco tempo, aiuta a vincere la noia ed a dimenticare l’insuccesso dovuto alla crisi economica che purtroppo non cessa”.



Tag

Renzo Bossi: «I 49 milioni erano sul conto quando papà se ne andò»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità