comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:29 METEO:PONTEDERA11°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 25 novembre 2020
corriere tv
Covid a Milano, Gallera: «La situazione migliora, indice Rt a 0,8»

Cronaca giovedì 22 ottobre 2020 ore 18:30

Sono 24 i nuovi casi di coronavirus a Pontedera

Pontedera, data anche la sua popolosità, resta il Comune della Valdera con il maggior numero di nuovi casi giornalieri rilevati dalla Ausl



PONTEDERA — Sono 24 le positività al coronavirus in più rilevate fra ieri e oggi dalla Azienda Usl Toscana nord ovest fra i cittadini del Comune di Pontedera. Che da diversi giorni fa registrare un numero sempre superiore alla decina di nuovi casi quotidiani e, a ieri, contava circa 170 persone attualmente positive e 7 ricoverati.

Al momento il reparto Covid-19 dell'ospedale Lotti è ancora chiuso e i ricoverati della Valdera, oltre 20, sono ospitati in altri nosocomi dell'Azienda Usl Toscana nord ove o nei due pisani gestiti dall'Aoup, Cisanello e Santa Chiara. La Ausl, tuttavia, nei giorni scorsi ha riaperto il reparto Covid dell'ospedale Versilia, aggiungendolo a quelli degli ospedali di Livorno, Apuane e San Luca di Lucca.

Compresi i 24 nuovi casi di Pontedera, sono in tutto 81 le nuove positività al coronavirus segnalate oggi dalla Ausl per Valdera e Alta Val di Cecina. Queste sono così ripartite per Comune: Bientina 10, Calcinaia 4, Capannoli 4, Casciana Terme Lari 8, Palaia 8, Peccioli 2, Pomarance 2, Ponsacco 4, Santa Maria a Monte 10, Terricciola 4 e Volterra 1.

A Bientina, viste anche le ultime misure di prevenzione inerenti all'emergenza Covid-19 contenute negli ultimi Dpcm, il sindaco ha emesso un'ordinanza di sospensione della Fiera Mercato dell'Antiquariato, fino a provvedimento di revoca. Mentre a Pontedera prosegue la Fiera di San Luca con annesso luna park.

L'Ausl ha anche fatto chiarezza sulla riduzione delle quarantene da 14 a 10 giorni per gli asintomatici.

"La circolare n. 32850 del 12 ottobre scorso, firmata dal Ministro Speranza relativa alle indicazioni per la durata ed il termine dell’isolamento e della quarantena è regolarmente applicata dalla ASL - hanno spiegato -, anche perché l’evoluzione delle conoscenze scientifiche impone che queste vengano attuate su tutti i pazienti indipendentemente dal momento dell’inizio della malattia. Quindi, l’affermazione della non retroattività non avrebbe alcun senso, altra cosa sono i ritardi, che si stanno recuperando, nella comunicazione della fine dell’isolamento, dovuti anche alla grande mole di lavoro che sta crescendo esponenzialmente, solo oggi in provincia di Pisa si registrano più di 500 nuovi casi.

Capiamo perfettamente che ciò ha portato disagio all’interno delle famiglie, ma la situazione dovrebbe normalizzarsi entro pochi giorni. Per maggiore chiarezza si precisa che, come indicato nella circolare, i soggetti che hanno avuto un contatto stretto con un caso positivo ma rimangono asintomatici devono sottostare ad una quarantena di 14 giorni o, al 10° giorno, effettuare un tampone che deve risultare negativo, poi possono riprendere la vita normale senza la necessità che la ASL rilasci un documento di fine quarantena".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Imprese & Professioni

Attualità