Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:PONTEDERA18°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 27 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Attualità domenica 24 maggio 2015 ore 15:00

Il racconto di una cena al buio

Prima volta per circa cinquanta persone alla Casa del popolo. A servire camerieri non vedenti, in cucina i ragazzi del progetto Solidarietà Arci



CAPANNOLI — "Immaginavo si vedessero le ombre" oppure "Ma non si vede proprio niente!". 

Tante persone non dimenticheranno la prima Cena al buio organizzata alla Casa del popolo di Capannoli da Arci Solidarietà e dai gestori del circolo.

Verso le 21 finisce il tempo della luce e nell'anticamera, buia ma con un paio di spiragli di chiarore, i camerieri non vedenti prendono per mano una persona che a sua volta ne guida altre tre, verso i tavoli da otto organizzati nella grande sala completamente oscurata. La sensazione è condivisa: non si vede niente (si scoprirà, alla fine della cena, che le finestre sono state coperte con nylon nero).

Per due ore e mezzo la luce è assente, anche se qualcuno, forse per tranquillizzarsi, ogni tanto apre lo smartphone e il chiarore raggiunge tutti i tavoli, seguito da qualche buu di disapprovazione.

Mentre si mangia, in parte con le mani, in parte con le forchette e si beve, a volte versando l'acqua o il vino sul tavolo, qualcuno dice che gli pare di avere un udito migliore: "Vi sento tutti, molto chiaramente, anche chi è in fondo al tavolo". Altra oasi di luce il bagno, nella penombra, nel quale si arriva guidati dai camerieri che si muovono con sicurezza.

Alla fine della serata, dopo il dolce, ancora al buio arrivano i ringraziamenti dei camerieri, che fanno parte dell'Uic, Unione Italiana Ciechi, e di Chiara Bini, organizzatrice della cena. Tanti applausi e verso le 23,30 un interruttore scatta nella stanza accanto, la serata sta finendo, la gente si guarda intorno e inizia a prendere le misure con quel luogo finora sconosciuto, solo immaginato.

Un'esperienza da ripetere, è l'opinione condivisa dei partecipanti.

René Pierotti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Cronaca