Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:45 METEO:PONTEDERA14°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 15 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Cronaca lunedì 31 marzo 2014 ore 13:30

Svaligiavano le tabaccherie, arrestati

La banda di giovanissimi è stata arrestata dagli uomini della squadra mobile di Pisa. Avevano "ripulito" il bar lo Sbando di Cascina



CASCINA — Pochi giorni fa avevano dato l'assalto al bar tabaccheria lo Sbando di Cascina in via Toscoromagnola rubando sigarette, schede telefoniche, gratta e vinci. Alla fine gli agenti della questura di Pisa della terza sezione della squadra mobile, coordinati dal dirigente Antonio Rainone sono riusciti ad acciuffare la banda di cittadini originari della Romania nella notte tra venerdì e sabato. Quattro dei malviventi sono finiti in stato di fermo e per loro è stato spiccato anche un provvedimento di fermo di polizia giudiziaria, disposto d'iniziativa dagli stessi dirigenti della questura pisana. Il quinto membro della banda è ancora ricercato. A loro sono stati contestati al termine delle indagini sei furti tutti messi a segno con lo stesso metodo utilizzato a Cascina. Ovvero arrivavano al locale da svaligiare notte tempo a piedi, poi con delle cesoie aprivano la saracinesca e rubavano ciò che trovavano. Ogni colpo compreso quello di Cascina fruttava dai quattrocento ai mille euro. Poi lasciavano la refurtiva in zone poco accessibili e si dileguavano per tornarla a prendere successivamente. I membri della banda sono tutti giovainissimi e tra di loro compare anche un minore. Gli agenti della questura di Pisa erano sulle loro tracce da tempo, dopo che la loro presenza era stata segnalata dai colleghi della squadra mobile di Padova da dove erano partite le indagini. La banda infatti aveva operato anche a Milano e nel Veneto. L'arresto è avventuro al termine ennesimo furto messo a segno a Pisa. I poliziotti per fermali li hanno dovuti inseguire nell'area di golena dell'Arno in un caso è servito anche l'aiuto di un cittadino che ha messo la propria automobile a disposizione degli agenti per l'inseguimento. Secondo gli inquirenti in passato potrebbero aver messo a segno anche altri colpi in provincia di Pisa.

Servizio Video
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati delle ultime ore tornano a salire sui nuovi contagi, ma ci sono state molte guarigioni. Calano i ricoveri al Lotti
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità