QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16° 
Domani 16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 24 febbraio 2020

Politica giovedì 13 febbraio 2020 ore 13:43

Grillaia, Bini pronto a mobilitare i cittadini

Il sindaco Mirko Bini

Il sindaco torna a chiedere che si rinunci politicamente a riattivare la discarica per smaltire amianto e si dice pronto a mobilitare i cittadini



TERRICCIOLA — Ieri, 12 Febbraio 2020, in Regione Toscana, si è svolta la conferenza dei servizi in merito al progetto della Nuova Servizi Ambiente che interessa la discarica in località La Grillaia, prefigurando un'attività limitata allo stoccaggio di cemento-amianto. Il Comune di Terricciola, insieme ai Comuni di Chianni e di Lajatico, ha espresso sia pubblicamente che in sede di valutazione tecnica il parere contrario a tale progetto. Ma per il sindaco Mirko Bini la questione non è più tecnica ma "totalmente politica".

"Invito il Presidente Rossi, Il Presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani e tutti gli Assessori della Regione Toscana - scrive oggi il primo cittadino - a valutare bene la situazione e a non dare corso ad un progetto che di fatto parla di una Riapertura del sito della Grillaia, un luogo in cui in passato si sono registrati momenti di tensione sociale e problemi di ordine pubblico". 

Bini, a questo punto, ricorda che negli ultimi anni il Comune ha puntato molto su agricoltura e turismo e che il progetto della discarica stride con il percorso intrapreso e con il progetto di dar vita ad un Bio Distretto. "Oggi il Comune di Terricciola con eccellenze agricole e turistiche - argomenta il sindaco -, con oltre 20 Aziende Vinicole che esportano in tutto il mondo, con flussi turistici in aumento si troverebbe a fronteggiare un nuovo problema ambientale, mentre stiamo iniziando il percorso di Distretto Rurale e coltivando l'ambizione di un Bio Distretto, mentre stiamo promuovendo il territorio con Azioni di marketing a livello nazionale, si registra un apertura del sito per lo stoccaggio di cemento-amianto totalmente in senso opposto rispetto alla strategia agricola e turistica che questo Comune sta portando avanti da anni". 

"Nel 2020 - conclude Bini - tornare a parlare di Discarica della Grillaia è una strategia sbagliata dal punto di vista economico e ambientale. Mi auguro che la Regione Toscana, nelle persone che guidano le strategie di sviluppo del territorio colgano insieme a me la necessità di un progetto diverso, che passa dallo sviluppo e dalla messa in sicurezza senza un ulteriore apporto di rifiuti. Come già detto, il Comune di Terricciola è disponibile ad intavolare un tavolo in cui confrontarci su soluzioni che mettano al centro la tutela del territorio e delle Aziende che da anni creano occasioni di sviluppo e lavoro, alternativa a questo tavolo non esiste, esiste solo la necessità democratica di chiedere una mobilitazione alla popolazione che da anni conosce e soffre la situazione di un sito dannoso sia per il passato che per un presente che chiede fortemente una soluzione ad impatto rifiuti zero. In qualità di Sindaco di Terricciola farò ogni azione possibile per scongiurare una "di fatto" riapertura di un sito, e come detto più volte chiedo una soluzione pubblica ad una vicenda che da anni, troppi anni, ci vede impegnati in una difesa del nostro territorio rurale".



Tag

Coronavirus, l'appello di Burioni: «In Italia serve unica catena di comando»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Sport