comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:10 METEO:PONTEDERA11°17°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 27 ottobre 2020
corriere tv
Conte firma il nuovo dpcm: bar e locali chiusi dalle 18

Politica domenica 24 maggio 2020 ore 10:31

L'opposizione critica il piano-espropri di Bini

L'opposizione terricciolese
L'opposizione terricciolese

Replica al sindaco sul piano operativo: "Atto presentato in fretta. Mai istituita una commissione. Dubbia trasformazione di aree verdi in edificabili"



TERRICCIOLA — I consiglieri comunali di Terricciola SiCura, Elena Baldini Orlandini, Matteo Arcenni, Matteo Leggerini e Sauro Colombini sono intervenuti per replicare al sindaco Mirko Bini (I no dell'opposizione non convincono Bini) relativamente al piano operativo comunale.

"Apprendiamo dai mezzi di informazione e non dal sindaco in prima persona, che il consiglio comunale di venerdì 22 maggio sarebbe stato contraddistinto da non meglio precisate scintille tra maggioranza e opposizione. Per quanto ci riguarda, si è trattato di un bel confronto democratico tra idee e visioni differenti".

"In primis ribadiamo come Matteo Arcenni abbia proposto e chiesto come mai il nostro Comune non abbia aperto un conto corrente per raccogliere donazioni dei cittadini e delle imprese come hanno fatto a Pisa, Casciana Terme Lari, Pontedera e molti altri. Invece per quanto riguarda il piano operativo ribadiamo che motivare il nostro voto contrario al piano operativo non è fare scintille, ma fare politica. Il nostro "No" è ampiamente giustificato da una lunga dichiarazione che probabilmente il nostro sindaco e la sua maggioranza hanno poco ascoltato. Lunga dichiarazione che ci aspettavamo anche dall'assessore all'urbanistica per spiegare il piano operativo nei dettagli". 

"Alcuni contenuti del piano potrebbero anche essere condivisibili. Peccato che però, nel dettaglio, in alcune parti sono stati disattesi i principi politici di uno schieramento che si definisce democratico. I cittadini devono sapere che il materiale per votare il piano operativo dopo 17 anni di immobilità urbanistica totale del nostro Comune è stato consegnato all'opposizione comunale tre giorni prima del consiglio, e il materiale relativo ai vincoli preordinati all’esproprio, addirittura, il giorno prima. Come se il nostro parere valesse zero. Senza dimenticare che nel nostro Comune non è mai stata costituita, nonostante sia stata più volte richiesta, una commissione urbanistica, perennemente negata - senza un valido motivo - dalla maggioranza". 

"L’atto che decide il futuro territoriale del Comune e quindi anche il futuro dei suoi cittadini è stato presentato velocemente non dandoci modo di esercitare il nostro diritto di voto con piena consapevolezza. Cosa avrà mai avuto da nascondere il sindaco nell’arrivare così frettolosamente all’adozione del piano quando avrebbe potuto arrivarci anche 10 giorni dopo? Studiando le carte nel pochissimo tempo a nostra disposizione abbiamo compreso la fretta del sindaco. Più che un piano operativo, quello del Comune di Terricciola, è un armadio pieno di scheletri abilmente nascosti"

"Viene previsto un piano di espropri che il Comune, con molta probabilità, non riuscirà a sostenere negli anni a venire, dal punto di vista economico. E sempre nel piano operativo si assiste alla dubbia trasformazione di aree verdi in aree edificabili, in luoghi in cui invece c’è bisogno di creare parchi pubblici per bambini e famiglie". 

"La nostra - hanno aggiunto dall'opposizione - è una critica prettamente politica a chi si deve e si dovrà prendere la piena responsabilità di questo atto che non condividiamo. Si aprirà la fase delle osservazioni che terminerà con l’approvazione finale del piano". 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Attualità