QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13° 
Domani 11°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 14 dicembre 2019

Spettacoli lunedì 16 dicembre 2013 ore 17:07

The living room, per chiudere Pontedera Produzioni

La performace dei vari attori chiamati ad interpretare il teatro nel teatro è di scena al Teatro Era



PONTEDERA — Giovedì 19 e venerdì 20 dicembre, alle 21, al Teatro Era era è di scena The living room. La rappresentazione del gruppo Focuses Research Team in Art as Vehicle del Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards con The Living Room chiude la rassegna Pontedera Produzioni.

Lo spettacolo, diretto e interpretato da Thomas Richards, ha tra i suoi interpreti anche Antonin Chambon, Tzu-Len Chen, Benoît Chevelle, Jessica Losilla Hébrail, Bradley High, Tara Ostiguy, Min Jun Park e Cécile Richards, in un lavoro che, ricreando un contesto familiare, opera una continua ricerca sulle potenzialità del mestiere di attore e su come esse si arricchiscano della realtà e delle relazioni interpersonali quotidiane. Una performance che racconta la vita teatrale accogliendo gli spettatori in un piccolo banchetto domestico, come se si fosse entrati in una casa, anzi in una piccola comunità ospitale. The Living room è una performance elaborata come opera e riflessione sull’arte, un lavoro conviviale quindi, ad ingresso gratuito, con l’unica richiesta di portare qualcosa da mangiare o da bere da consumare insieme.

Il Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards rappresenta, per volontà del maestro polacco, l'eredità artistica ed umana di Jerzy Grotowski. Dal 1999, anno della scomparsa di Grotowski, il Workcenter ha intensificato la propria attività di ricerca assumendo collaboratori da diverse parti del mondo e attualmente sono 20 gli attori provenienti dalla Cina, Corea, Stati Uniti, Francia, Spagna, Brasile, Canada, Polonia, Belgio e Italia.



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Cronaca

Lavoro

Cultura