Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:43 METEO:PONTEDERA21°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 16 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tensione al corteo no Green pass di Milano, la protesta non si ferma e partono le cariche della polizia

Cronaca giovedì 06 giugno 2013 ore 13:25

Truffa alle assicurazioni: il sistema era radicato anche in provincia di Pisa



Avevano intascato oltre due milioni di euro e operavano nelle province di Pisa, Prato, Pistoia e Firenze

Provincia di Pisa - Truffavano le assicurazioni simulando finti incidenti stradali per intascare il premio e mettere così insieme un bottino di tutto rispetto, oltre 2 milioni di euro. Venti persone sono state arrestate dai Carabinieri, su richiesta del Gip di Firenze David Monti, con l'accusa di aver messo in piedi un sistema consolidato di frodi assicurative. Un sistema che, pur concentrandosi in provincia di Firenze, si estendeva alle province di Pisa, Prato e Pistoia, tanto è vero che risultano indagate altre 200 persone. Secondo i Carabinieri di Signa, che hanno condotto le indagini coordinati dal pm di Firenze, Giuseppe Bianco, funzionava così: le persone coinvolte, tra cui due avvocati, un medico e un commercialista, prima provocavano loro stessi un danno alla propria macchina e poi si recavano in una carrozzeria, ora sequestrata dalla magistratura. Qui venivano simulati i finti incidenti, circa 150 dal 2009, con tanto di falsi certificati medici per far salire i premi. Infine, con la complicità di alcuni periti, si chiedevano alle assicurazioni rimborsi illegittimi. Che qualcosa non andasse è apparso chiaro ai carabinieri, appena si sono accorti che uno degli indagati aveva collezionato 127 incidenti in 10 anni. Troppi per essere credibili. A quel punto sono bastate alcune perizie calligrafiche sui verbali e sulle constatazioni amichevoli per capire che gli incidenti non erano mai avvenuti. Per 5 dei fermati, ovveri i titolari della carrozzeria sequestrata a Signa, si sono aperte in via cautelare le porte di Sollicciano, agli altri invece sono stati imposti i domiciliari.
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Momenti di tensione a Fornacette dove ufficiale giudiziario e forze dell'ordine hanno trovato una quarantina di attivisti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Don Andrea Pio Cristiani

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Carmela Pulvirenti Ved. Valenti

Venerdì 15 Ottobre 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità