QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°28° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 17 agosto 2019

Spettacoli martedì 09 luglio 2013 ore 18:15

Un tuffo nelle culture del Mediterraneo



Al via dal 15 al 19 luglio il “Festival Sete Sóis Sete Luas” a Pontedera. Cinque serate per conoscere musiche, etnie e sapori del mondo lusofono

Pontedera – Giunto alla sua ventunesima edizione, il Festival Sete Sóis Sete Luas quest’anno porta a Pontedera 5 anteprime nazionali, concerti inediti che condurranno il pubblico lungo un vero e proprio pellegrinaggio musicale che farà tappa in Spagna, Portogallo, Capo Verde e Istria. Presso il Centrum Sete Sóis Sete Luas di viale Piaggio dal 15 al 19 luglio avrà luogo un’immersione culturale nel mondo mediterraneo e lusofono, fra arti e artisti, etnie diverse, linguaggi trasversali e cooperazione. Si aprono letteralmente le danze lunedì 15 luglio con Miguel Cañas, ballerino e coreografo dell’Andalusia maestro di flamenco che partirà con il suo tour mondiale proprio da Pontedera. Martedì 16 luglio arriva la Orient.7Sóis.Orkestra, diretta dal musicista portoghese Rão Kyao che mischia le origini musicali e culturali dei suoi componenti, sintetizzandole in brani carichi di energia e memorie mediterranee. Mercoledì 17 luglio toccherà ai Galandum Galundaina, un gruppo capace di portare a nuova vita la musica tradizionale delle Terre di Miranda, estremo nord del Portogallo. Giovedì 18 sarà la volta delle sonorità ritmate e la voce soave di Mariana Ramos, cantante capoverdiana di livello internazionale. Proviene dall'altra sponda dell'Adriatico e più precisamente dall’Istria il musicista Franko Krjakar che si esibirà venerdì 19 Luglio. Come la sua Istria è terra d’incontro di lingue e culture, così la sua musica fatta da innumerevoli strumenti classici fonde suoni moderni e tradizioni croate passate. Non solo musica ma anche pittura inedita con l’esposizione in anteprima nazionale di Laka, artista dei Paesi Baschi che porta a Pontedera cromatismi e scenari surrealisti popolati da figure primitive e stilizzate. Il dialogo tra le diverse culture, obiettivo primario del Festival, però passa anche per lo stomaco. All'art café del Centrum si potranno assaggiare sapori e odori dei paesi che fanno parte della rete del Festival: dal caffè di Capo Verde al Vinho Tinto portoghese, dal sapore forte della Palinca romena al gusto salato del Caju brasiliano al miele delle Azzorre.


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca