QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 9° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 16 novembre 2019

Attualità martedì 19 settembre 2017 ore 16:20

Una rete per un Comune più pulito

Istituzionalizzata la collaborazione nata spontaneamente da tempo fra amministrazione, associazioni Mukwano e VicoVerde e Caritas



VICOPISANO — Si chiama Progetto Comune pulito la rete, già nata da tempo in modo spontaneo, fra Mukwano, VicoVerde, Caritas e amministrazione comunale e alla quale si sono aggiunte le cooperative Arnera e Paim. 

Circa 120 uscite in tutte le località comunali, all'anno, da parte dei volontari ambientali, per assicurare decoro e pulizia a molti spazi pubblici, alcuni già previsti e frutto di esperienze di anni precedenti, altri potranno essere inseriti in seguito a segnalazioni da inoltrare all'indirizzo: comunicazione@comune.vicopisano.pi.it.

Del progetto se ne è parlato sabato scorso in Sala del Consiglio, con tutti i soggetti coinvolti, alla presenza del sindaco Juri Taglioli, della Giunta e del responsabile dell'Ufficio Ambiente Enrico Bernardini, ognuno coinvolto per deleghe, incarichi e sensibilità personale in un percorso di tutela ambientale e decoro che è nato già da anni, che è cresciuto e che ora deve incanalarsi e autodisciplinarsi, per poter esprimere tutte le sue potenzialità.

"L'obiettivo - ha detto il sindaco - è fare tutti insieme qualcosa che giovi alla comunità e che magari, essendo un esempio virtuoso, attiri nuovi volontari. In questo senso è importante il coinvolgimento delle due cooperative con le quali collaboriamo, grazie al lavoro dell'assessora Bertini, per l'accoglienza dei richiedenti asilo, Paim e Arnera. Abbiamo già vissuto diverse esperienze di volontariato ambientale con alcune delle persone che vivono adesso nel nostro territorio ed è stato davvero importante. Da parte nostra, di amministatori e volontari, per la possibilità di conoscere meglio e quindi accogliere veramente e agevolare l'interazione di questi ragazzi. Da parte loro per la possibilità di socializzare e di restituire qualcosa al territorio che li ha accolti, sempre con entusiasmo ho notato. Vorrei sottolineare che non sono loro che fanno qualcosa per noi, siamo noi che facciamo qualcosa tutti insieme per la comunità, è questa la cosa che funziona, oltre alla pulizia effettiva del territorio, siamo una squadra, lavoriamo, ci divertiamo e diventiamo amici".

"Per le persone coinvolte nel progetto - ha detto Pietro Alfaruoli della Caritas - e in un periodo di particolare disagio è stato importante poter, di nuovo, sentirsi utili, fare qualcosa per la comunità, mettersi a servizio, stare con gli altri. Questo piccolo contributo economico che diamo loro, grazie a Mukwano, è un modo per rafforzare questa loro soddisfazione e questo loro impegno, questa voglia di rimettersi in gioco oltre le difficoltà. E la cosa bella che ho notato è che, una volta superato il periodo di bisogno, diciamo così, alcuni restano a fare i volontari in Caritas per restituire ciò che a loro è stato donato in un momento di crisi. E' un circolo virtuoso che una volta messo in moto porta risultati soddisfacenti per tutti, a livello molto profondo, e credo che questo progetto, visto il pregresso, riuscirà ad attivarlo a molti livelli, oltre a portare a risultati validi dal punto di vista ambientale".



Tag

Acqua alta a Venezia, sui social si sdrammatizza così

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport