Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:08 METEO:PONTEDERA18°33°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 14 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video messaggio di Mihajlovic al tifoso aggredito a Crotone: «Svegliati presto, così verrai a trovarci»

Attualità mercoledì 10 dicembre 2014 ore 17:00

Welfare abitativo, la Valdera che prende esempio

Un seminario organizzato all’Unione ha portato sul territorio testimonianze nazionali e straniere di nuove forme di social housing



PONTEDERA — Da Copenaghen a Berlino, a Milano, Bergamo e Padova. Non sono le mete di gite di piacere, ma le città dalle quali la Valdera vuol prendere spunto in materia di welfare abitativo. Operatori, associazioni e cooperative italiane e straniere sono state infatti invitate a Pontedera per il primo seminario internazione dal titolo “La casa e la persona” organizzato per il pomeriggio di oggi, mercoledì 10 dicembre, all’Unione da CasaValdera.

“Esperienze straniere sulla quali basarsi per poter poi lanciare progetti più nuovi ance nei nostri territorio”. Così l’architetto Simone Carraro, presidente Aps CasaValdera, ha presentato il convegno appoggiato anche da tutti i comuni dell’Unione. “Il seminario nasce con la presunzione di vedere e conoscere che cosa si sviluppa anche al di là dei nostri confini – ha commentato il sindaco di Bientina Corrado Guidi, delegato alle politiche abitative – forse un diverso modello di social housing è possibile anche in Italia. Vogliamo dare risposte anche a una fascia sociale grigia, di mezzo, recuperando magari beni demaniali e religiosi, non tanto per dare risposta all’emergenza abitativa ma anche di abitare sociale. Non abbiamo ricette, nè progetti, ma se non partiamo mai a riflettere non progrediremo mai”.

Operatori del settore stranieri, come Jens Peter Skaarup della Kab organization di Copenhagen e Helene Boehem della Gesobau di Berlino, aiutati dalla traduzione simulanea di alcune studentesse del liceo linguistico Montale, hanno presentato nuove forme di social housing, mettendo le basi per poter creare una sorta di rete internazionale per scambi di buone pratiche in materia.

Al convegno erano presenti anche l’assessore alle politiche abitative del Comune di Pontedera Marco Cecchi, il presidente di Apes Pisa Lorenzo Bani, Nicola Solimanodella Fondazione Michelucci di Milano che illustrerà l’ultimo studio dell’abitare sociale della Fondazione impegnata nella ricerca e nell’elaborazione di progetti innovativi sui temi dell'habitat sociale e del rapporto fra spazio e società. Sono intervenuti anche Maurizio Trabuio della Fondazione La Casa di Padova sul patrimonio e sui servizi contro il disagio abitativo, Alessandro Santoro della Fondazione Casa Amica di Bergamo, esperto di integrazione delle politiche abitative nella pianificazione e progettazione urbana sul concetto della casa come servizio e Paolo Lamarca dell’associazione L’Arca di Milano che ha illustrato l’Housing First, l’ultima sperimentazione in materia di housing che aiuta i senzatetto prevedendone l’ingresso immediato in case senza passare dai dormitori.

Anna Dainelli
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il Comune ha aderito alla campagna di sensibilizzazione. Appositi cartelli stradali invitano gli automobilisti a fare attenzione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca