Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:PONTEDERA12°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 10 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Principe Filippo, colpi a salve di cannone in tutto il Regno Unito

Attualità venerdì 30 ottobre 2015 ore 16:30

All'Itis Internet è libero

Sabato 24 ottobre grande successo per Linux Day. Ospite d'ono il professor Fantechi dell'Università di Firenze. Presenti anche studenti della Gandhi



PONTEDERA — Una giornata all'insegna della libertà del web. Sabato 24 ottobre, in occasione del Linux Day organizzato a Pontedera dall’ITIS G.Marconi, un gruppo numeroso di studenti delle classi terze della scuola media Gandhi di Pontedera, sono intervenuti per seguire le conferenze-lezioni dei professori Riccardo Cervelli, informatico, curatore della giornata e Renzo Venturi esperto di sistemi e reti.

La lezione introduttiva, tenuta dal professor Cervelli, è stata dedicata alle finalità del Linux Day e al significato di software libero detto “Open Source”.

Ha partecipato alla conferenza come ospite di riguardo il professore Alessandro Fantechi, ordinario dell'Università di Firenze e presidente della sezione toscana di Aica ("Associazione Italiana per l'Informatica e il Calcolo Automatico"), che ha ribadito, con un intervento breve ma incisivo, l'importanza degli standard così detti “aperti”, cioè liberi, che, in futuro, i giovani troveranno sia in ambito universitario che lavorativo.

In contemporanea un gruppo di studenti dell’ITIS ha seguito una lezione-conferenza tenuta dal professor Venturi sugli standard Open Hardware e si sono collegati per un'intervista in streaming video con Giuseppe De Marco di Extra srl per fare il punto sullo stato dell'arte dei servizi informatici realizzati con tecnologie Open Source. Ha concluso la conferenza l’intervento sul tema della sicurezza informatica di Fabio Bronzini, consulente informatico, scrittore e blogger Linux.

Gli studenti della Gandhi sono stati poi condotti in visita ai laboratori informatici. Qui hanno preso visione degli stand dimostrativi sui temi della sicurezza informatica, del recupero dati, del ripristino di vecchi computer e di due temi molto cari ai makers, quali il sistema Arduino e la stampa 3D. Gli stand erano stati allestiti e presentati con passione dagli stessi studenti informatici dell’Itis che sono apparsi così convincenti da essere chiamati “professore” dai giovani della Gandhi.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Covid, sei hanno un'incidenza superiore a 250 casi settimanali su 100mila abitanti, altri due invece in sette giorni non hanno avuto nuovi contagiati
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Sport

Cronaca