QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°33° 
Domani 18°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 20 luglio 2019

Attualità venerdì 09 settembre 2016 ore 06:30

Cena sarda per il Congo e il Centro Italia

Torna nel fine settimana, per il terzo anno, l'iniziativa di beneficenza della "Onlus Marisa un sorriso per tutti"



BIENTINA — Al via la terza edizione di Con il cuore della Sardegna, la cena con i tipici cibi dell'isola per raccogliere fondi e sostenere l'orfanotrofio di Kinshasa, in Congo.

L'iniziativa, organizzata dalla onlus "Marisa: un sorriso per tutti", si terrà il 9,10 e 11 settembre al circolo Arci del Parco delle Sughere.

Oltre alla struttura in Africa, quest'anno l'associazione penserà anche ai bambini del centro Italia colpito dal terremoto.

Un quarto dei proventi della serata verrà devoluto al fondo per le emergenze di Save the Children per il sostegno dei più piccoli nelle zone colpite dal sisma.

"La motivazione è semplice - ha commentato Nadia Baroni, organizzatrice delle serate benefiche - i bambini sono bambini ovunque. La nostra è un’associazione composta da genitori che hanno adottato i bambini nell’orfanotrofio di Kinshasa e ci teniamo a dare continuità e sostegno anche ai bambini che sono rimasti in Congo, ma nulla ci vieta di essere solidali con l’infanzia anche di casa quando ci troviamo di fronte a una tragedia immane come quella del terremoto del 24 agosto scorso".

"Con i proventi delle tre serate di Con il cuore della Sardegna contiamo di proseguire nelle opere di miglioramento dell’orfanotrofio - ha aggiunto il presidente della onlus Mauro Bonfanti - . L’anno scorso abbiamo acquistato un lotto di terreno nel quale abbiamo avviato la produzione di ortaggi freschi per migliorare l’alimentazione dei bambini, quest’anno stiamo pensando ad un pollaio, per rendere indipendente o quasi dall’approvvigionamento esterno di alimenti l’intera struttura. Abbiamo capito – prosegue Bonfanti- che investire sull’alimentazione significa diminuire le malattie e di conseguenza abbattere i costi dell’emergenza nelle cure. Stiamo parlando di realtà dove non c’è nulla, dove vige una povertà assoluta e dove l’accesso alle cure sanitarie è proibitivo per la stragrande maggioranza della popolazione".

Per info e prenotazioni contattare Nadia al 333 4765736



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Cronaca

Attualità