comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:50 METEO:PONTEDERA12°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 25 novembre 2020
corriere tv
Lilli Gruber a Conte: «Ha mai sentito Mario Draghi?». E il premier non la prende bene

Attualità giovedì 19 luglio 2018 ore 12:11

​"Bivacchi e spaccio davanti quell'argine"

Foto di: Barabotti e Pandolfi

Dopo la presunta violenza sessuale alla donna, Pandolfi e Barabotti di Forza Italia denunciano il degrado e la pericolosità della zona



PONTEDERA — Con parole e immagini fotografiche i consiglieri comunali di Forza Italia, attualmente unici rappresentanti a Palazzo Stefanelli del centrodestra, fanno presente che "nell'area ex Zetagas di Pietroconti dirimpettaia all'argine dove una donna ha, o avrebbe, subito una duplice violenza sessuale, ci sono locali dove pernottano e bivaccano extracomunitari che campano spacciando droga". 

"E' una situazione impossibile - aggiungono i due consiglieri - e soprattutto molto pericolosa mentre è evidente che spesso i clandestini non possono far altro che commettere atti illegali se vogliono mangiare e dormire da qualche parte".

Qualche anno fa gli stessi proprietari dell'ex Zetagas abbatterono volontariamente uno storico casolare contadino allora meta principale dei pernottamenti. Ma nella zona resta un edificio degradato e abbandonato già sottoposto a uno studio del comune per essere abbattuto o riciclato ma finora in piedi. 

"In quei locali la polizia è, per così dire, di casa - aggiungono i due esponenti di Forza Italia - mentre siamo arrivati, non soltanto a Pontedera, ad arresti domiciliari sentenziati dalla magistratura nei casolari, ex fabbriche, e così via, per chi già vi dorme e magari vi delinque. Una situazione e paradossale che per ora non vede proteste del sindaco Millozzi nei confronti di queste sentenze altrettanto paradossali".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Politica

CORONAVIRUS

Cronaca