comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°19° 
Domani 11°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 28 settembre 2020
corriere tv
Milazzo, sottufficiale annega per salvare due giovani: le immagini dell'operazione nel mare in tempesta

Lavoro domenica 25 settembre 2016 ore 16:43

Pochi operai, i Cobas scrivono al sindaco

Il municipio di Buti

Hanno denunciato la situazione: "Il Comune è piccolo ma il territorio è grande, non possiamo garantire tutti i servizi. Vogliamo un incontro pubblico"



BUTI — Una lettera aperta al sindaco di Buti Alessio Lari da parte dei delegati rsu indipendenti eletti nella lista dei Cobas.

"Il territorio di Buti - hanno esordito - per quanto il Comune sia di piccole dimensioni è piuttosto grande, ha bisogno di manutenzione e di operai. In poche unità non è possibile garantire tutti quei servizi necessari e richiesti alla cittadinanza". 

Per i Cobas su pochi lavoratori ricadono grosse responsabilità: "Su poche unità gravano innumerevoli impegni, il discorso va esteso a tutti gli altri settori comunali, la mancanza di organici è causa della carenza dei servizi, dell'aumento dei carichi di lavoro ormai insostenibili, di continue richieste di mansioni aggiuntive a cui in pochi non possiamo fare fronte".

Per i Cobas quella di Buti è "una situazione diffusa nei piccoli comuni che hanno bisogno di nuove assunzioni e di investimenti in mezzi e attrezzature". 

Gli esponenti del sindacato hanno aperto una parentesi "sull'acquisto di alcuni mezzi che non sempre rispondono alle esigenze reali ma solo alla ricerca di risparmio".
Per quanto riguarda nuove assunzioni i Cobas hanno aggiunto: "Il decreto enti locali approvato in estate prevede nuove possibilità assunzionali rivedendo parzialmente i limiti che autorizzavano una sola assunzione ogni quattro pensionamenti. Non è facile capire quali siano le reali capacità assunzionali per i piccoli enti locali, quelli sotto diecimila abitanti come nel caso di Buti".

Il sindacato ha richiesto un incontro pubblico: "Di questo vorremmo parlare pubblicamente non solo nei rari incontri sindacali ma in un'assemblea pubblica con la cittadinanza, i consiglieri di maggioranza e minoranza. Vogliamo capire come l'amministrazione comunale intenda gestire gli uffici e i servizi comunali, se hanno in mente alternative, e di quale tipo, alla gestione diretta da noi ritenuta la più valida".

In conclusione gli esponenti dei lavoratori hanno fatto degli esempi: "Nel comune di Buti avevamo un nido a gestione diretta che da anni è stato dato all'esterno, abbiamo due materne, settori per i quali la possibilità di assumere personale è stata rinnovata dal decreto enti locali di mezza estate. Anche in questo caso assunzioni sarebbero auspicabili come andare a sostituire almeno in parte personale\trasferito andato in pensione mantenendo gli stessi carichi di lavoro ai colleghi rimasti".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Sport

Sport