Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:30 METEO:PONTEDERA15°19°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 30 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Fiume di fango sfiora le case: a Formia frana la montagna dopo il nubifragio

Attualità martedì 09 agosto 2022 ore 11:00

Ponte di Oltrarno, stanziati altri 255mila euro

Il ponte di Calcinaia

La giunta comunale ha approvato una variante allo stanziamento per i lavori di risanamento del collegamento di via papa Giovanni XXIII



CALCINAIA — La pandemia e, soprattutto, il conflitto ucraino negli ultimi mesi, continuano a rendere complicata la vita dei cantieri. Come, per esempio, quello relativo al ponte di via papa Giovanni XXIII, che ha dovuto apportare una variante sui costi complessivi.

Con la delibera approvata dalla giunta di Calcinaia, guidata dal sindaco Cristiano Alderigi, l'amministrazione ha infatti previsto lo stanziamento di circa 255mila euro per lavori aggiuntivi.

"Nel corso dei mesi, a causa delle problematiche emerse a livello nazionale per l’ emergenza Covid e il conflitto ucraino, anche il consorzio affidatario ha riscontrato notevoli difficoltà per l’approvvigionamento dei materiali - si legge nella delibera - a seguito del completamento delle attività di realizzazione dei pali di rinforzo delle pile in alveo, secondo quanto previsto dalla perizia, si è reso necessario procedere a valutazioni ed approfondimenti ulteriori in merito ai seguenti aspetti operativi: la gestione del traffico veicolare del territorio a seguito della chiusura della viabilità e il completamento delle attività di progetto in corrispondenza delle pile in alveo".

Come riportato nella delibera stessa, dunque, l'importo dei lavori dovrà salire da poco più di un milione a 1,3 milioni di euro.

"Al fine di effettuare il completamento del pozzo di rinforzo in corrispondenza delle due pile inalveo il direttore dei lavori ha presentato una proposta di variante una dettata dall’esigenza di operare esclusivamente dall’alveo, individuando una soluzione che prevede la realizzazione di due guadi dalle sponde esistenti del fiume fino a raggiungere le due pile - continua la delibera - soluzione inizialmente proposta in fase di esame di progetto, ma non condivisa dal Genio civile, richiedendo l’utilizzo di un pontone per le lavorazioni in alveo. Le scarse precipitazioni di questo anno hanno tuttavia portato il livello dell’acqua sotto il livello di guardia, non rendendo più possibile l’uso del pontone e rendendo accettabile la proposta del guado".

"Questa soluzione alternativa - conclude il documento - è stata proposta anche in ragione che la chiusura totale della viabilità di via papa Giovanni XXIII ha generato forti criticità viabilistiche sul territorio, essendo il collegamento viario di natura strategica e sovracomunale".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle piazzole di sosta della strada che da Pontedera porta in Alta Valdera un cittadino ha segnalato la presenza di rifiuti ingombranti abbandonati
DOMANI AVVENNE
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Attualità