Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:15 METEO:PONTEDERA9°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 21 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Russia, le immagini delle nuove esercitazioni militari con i missili Kalibr

Attualità giovedì 18 novembre 2021 ore 14:56

"Non mi pronuncerò più sulla riapertura del ponte"

Cristiano Alderigi, sindaco di Calcinaia dal 2019
Cristiano Alderigi, sindaco di Calcinaia dal 2019

Alderigi sulla situazione del ponte tra Oltrarno e il capoluogo: "Opera che riguarda un'area vasta che si è accollata interamente il nostro Comune"



CALCINAIA — Il sindaco Cristiano Alderigi è intervenuto per parlare della situazione del ponte tra Calcinaia e Oltrarno, oggetto di un intervento di manutenzione straordinaria con relativa chiusura al traffico, chiusura che ha creato e crea molti disagi nella zona intorno a Calcinaia e di cui ieri abbiamo scritto annunciando quella che, stanti le informazioni raccolte da QUInews, era ipotizzabile come data di riapertura

Secondo quanto spiegato da Alderigi i 128 giorni indicati sul cartello di cantiere devono essere conteggiati dal 18 Maggio, giorno in cui sono stati affidati i lavori. Considerando il 18 Maggio la data ultima di consegna dei lavori sarebbe stata il 23 Settembre 2021, con il cantiere che era previsto partisse il 27 Luglio.

Per motivi legati al prezzo e al reperimento delle materie prime i lavori sono iniziati quasi due mesi dopo, il 20 Settembre, con la nuova data di fine lavori prevista per metà Novembre. Nel frattempo però sono sorte delle complicazioni e i lavori sono in ritardo. Nella nota inviata oggi Alderigi ha chiarito che "d’ora in avanti non mi pronuncerò più su una data di fine lavori, fino a quando non avrò contezza che saranno effettivamente ultimati per quel giorno, così come non mi pronuncerò più sulla riapertura del ponte, fino a quando non avrò contezza che l’accesso agli utenti sarà garantito per quel giorno". Insomma al momento non c'è una data certa per la fine dei lavori e la riapertura del ponte.

Nel comunicato inviato alla redazione Alderigi ha detto: "Il Comune di Calcinaia è proprietario di un ponte sul fiume Arno, caso più unico che raro in tutta la regione. Gli interventi realizzati anche nei Comuni limitrofi su infrastrutture di questo tipo sono sempre stati a carico della Provincia o di enti sovraordinati rispetto ad un Comune che si occupavano di stabilire anche i tempi di intervento e di realizzazione".

Alderigi ha spiegato che il ponte, costruito nel 1958, è stato sottoposto negli anni a indagini per valutarne la stabilità e seguendo le indicazioni di questi studi il Comune nel 2018 ha predisposto misure per limitare il passaggio dei mezzi pesanti posizionando restringimenti di carreggiata con l’opportuna cartellonistica.

"Parallelamente - ha aggiunto Alderigi - è partita la fase di progettazione dei lavori in grado di assicurare la tenuta e la stabilità del ponte e garantire così un transito in sicurezza ai cittadini. Al contempo ci siamo mossi per cercare risorse, non certo esigue, per cominciare l’opera. Parliamo di un milione e 350mila euro che provengono direttamente dalle casse dell’ente per questo primo lotto, a cui ne seguirà un altro che sarà finanziato dal Ministero". 

Alderigi ha poi ripercorso le tappe di avvicinamento all'inizio dei lavori: "Abbiamo poi messo a gara la realizzazione di questo intervento proprio perché sentivamo l’urgenza di eseguirlo nei tempi più rapidi possibili con il preciso obbiettivo di offrire le adeguate misure di sicurezza ai nostri concittadini. Dopo l’iter procedurale abbiamo affidato i lavori alla ditta che si è aggiudicata l’appalto".

"Questo avveniva alla metà di Maggio di quest’anno, precisamente il 18 Maggio, tempo da cui cominciare a conteggiare i tanto fotografati, ma poco compresi, 128 giorni della durata dei lavori. In questo arco di tempo siamo stati costretti a fare i conti con l’epidemia e abbiamo dovuto far fronte, tra l’altro, al periodo post-pandemico che ha pesantemente condizionato la facilità del reperimento dei materiali per le ditte che si occupano di lavori pubblici e l’aumento dei costi delle materie prime. Esclusivamente per questi motivi i lavori veri e propri sul ponte sono cominciati in ritardo, precisamente il 20 Settembre giorno in cui abbiamo convocato una conferenza stampa in cui il Direttore dei Lavori (non è un dipendente comunale) ha dichiarato la data di chiusura delle operazioni per la metà di Novembre".

"Abbiamo optato - ha aggiunto Alderigi - per la chiusura completa dell’infrastruttura perché, contrariamente a quanto preventivato, non è stato possibile operare dall’alveo del fiume e sono stati fatti arrivare macchinari in grado di lavorare da sopra il ponte fino al greto del fiume con le difficoltà e i rischi che questo comporta. Ed è il motivo per cui non è stato autorizzato e non sarà autorizzato neppure il passaggio pedonale fino a quando non sarà garantito un rischio zero per i cittadini (benché alcuni incoscienti anche in questi gironi abbiano forzato le recinzioni del cantiere)".

"I lavori, come spesso accade, si sono poi mostrati più complessi del previsto tanto che non è stato per l’appaltatore ultimarli entro il 15 Novembre come era stato annunciato dal Direttore dei Lavori, un tecnico le cui indicazioni ho semplicemente riportato. D’ora in avanti non mi pronuncerò più su una data di fine lavori, fino a quando non avrò contezza che saranno effettivamente ultimati per quel giorno, così come non mi pronuncerò più sulla riapertura del ponte, fino a quando non avrò contezza che l’accesso agli utenti sarà garantito per quel giorno".

Alderigi ha concluso ricordando che il "risanamento del ponte sull’Arno di Calcinaia è un’opera che riguarda un territorio molto vasto che si è accollata interamente il nostro Comune con senso di responsabilità e non pochi oneri. La chiusura dell’infrastruttura crea disagi, come è ovvio che sia, agli abitanti del nostro Comune, me compreso, e a chi lo utilizzava abitualmente. Ribadisco che nessun disagio o fastidio può valere la sicurezza di una singola persona".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il dettaglio sui contagi registrati nelle ultime 24 ore sul territorio. In Provincia di Pisa oltre 1.600 positività, mentre in Regione sono 13.720
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Domenico De Petra

Martedì 18 Gennaio 2022
Onoranze funebri
PUBBLICA ASSISTENZA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Spettacoli