comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 18°29° 
Domani 18°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 14 luglio 2020
corriere tv
Lite in tv tra Fassina e Calenda : «Sei stato al governo tre anni...». E l'altro: «Amore mio, pensa a te!»

Attualità venerdì 29 maggio 2020 ore 06:30

"Tennis club, ci vuole una convenzione"

La lista di Picchi è tornata a criticare l'amministrazione per la situazione di Fornacette, arrivando addirittura a chiedere le dimissioni del sindaco



CALCINAIA — La lista di opposizione guidata da Valter Picchi è tornata sulla questione del Tennis Club Fornacette (di cui avevamo parlato nelle settimane scorse). 

Riguardo a quella situazione la lista di Picchi ha detto: "Ci è sempre apparsa poco chiara; dopo la risposta dell’Amministrazione e i fatti scaturiti dalla nostra interrogazione, la vicenda sembra ancor più nebulosa e necessita di ulteriori spiegazioni. È chiaro a tutti come il Tennis Club Fornacette gestisca l’area sportiva pubblica di Via Genova senza convenzione, ma la cosa grave e per cui chiediamo spiegazioni all’Amministrazione, è il mancato rispetto di tutte le norme di sicurezza per l’accesso e la fruizione della struttura, così come evidenziato dalla relazione predisposta dall’ufficio tecnico del Comune di Calcinaia. In tale relazione vengono evidenziate le gravi mancanze strutturali dell’impianto, oltre al mancato rispetto delle norme igienico sanitarie e di sicurezza. Tramite la nostra interrogazione facevamo notare l’esecuzione di lavori eseguiti presso la struttura senza le adeguate autorizzazioni e l’inosservanza delle norme degli appalti e della sicurezza sui cantieri".

"In seguito alla nostra segnalazione, lo stesso gestore dell’impianto non solo comunicava che l’Amministrazione era a conoscenza dei lavori, ma che la stessa si era prodigata per far veicolare sponsorizzazioni alla stessa società per coprire le spese di esecuzione dei lavori stessi. Se le cose da noi evidenziate risultassero vere, ci troveremmo di fronte a una gestione anarchica della proprietà pubblica e non nell’interesse della collettività, derivante dalla mancanza di una convenzione da ben quattordici anni". 

"Unico impianto in tutto il territorio ad avere queste mancanze. Invitiamo l’Amministrazione e il Sindaco a porre fine alla situazione di irregolarità redigendo una convenzione, anche se emerge con chiarezza la responsabilità politica e amministrativa della stessa Amministrazione e del Sindaco che hanno gestito la situazione in maniera approssimativa e clientelare. L’unico atto possibile, a nostro avviso, sono le loro dimissioni".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità