QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 19°26° 
Domani 16°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 18 giugno 2019

Attualità giovedì 18 agosto 2016 ore 15:15

Manca una sezione all'asilo, ci pensa l'Unione

Da sinistra: Arianna Cecchini, Corrado Guidi, Lucia Ciampi

Il sovraente comunale, con l'avanzo d'amministrazione, finanzierà una classe per 30 bimbi a Capannoli. Guidi: "Questo è il vero spirito dell'Unione"



CAPANNOLI — Una mano lava l'altra e tutte e due lavano il viso. Il celebre motto non sembra affatto banale in questo caso e anzi dimostra, probabilmente per la prima volta, un concreto e coordinato intervento su una particolare problematica da parte di quell'organismo da alcuni definito "carrozzone" e in questi mesi al centro di diverse critiche. Ma stamani nella sala del consiglio comunale di Capannoli il presidente Corrado Guidi, insieme ai sindaci Arianna Cecchini come padrona di casa e Lucia Ciampi come delegata all'istruzione, hanno annunciato un progetto che probabilmente rilancia il senso stesso dell'Unione Valdera: il sovraente comunale finanzierà, con una parte dell'avanzo di amministrazione, una sezione della scuola dell'infanzia dell'istituto Sandro Pertini per scongiurare il rischio di lasciare a casa o costringere ad andarsene in altri plessi scolastici trenta bambini.

"Pensiamo che questo sia il vero spirito dell'Unione - ha commentato Corrado Guidi -, destinare quei soldi che riusciamo ad attirare come grande ente su interventi più specifici. In questo caso, per poter permettere a trenta famiglie di Capannoli di poter mandare i loro figli a scuola qui, visto che la struttura c'è. Oggi tocca a Capannoli - ha aggiunto il presidente dell'Unione -, domani a qualche altro Comune. Ci prefissiamo altri interventi così mirati nei prossimi mesi".

La sezione aggiuntiva della scuola materna di Capannoli fino al 2014 era stata garantita dal progetto delle sezioni Pegaso, finanziate dalla Regione. Quando poi è stata data la possibilità per quelle sezioni Pegaso di diventare statali se raggiungevano una certa soglia di bambini iscritti, Capannoli rimase tagliato fuori per un'unità. Da lì, le iscrizioni sono aumentate raggiungendo il numero di trenta.

"Ringrazio il presidente e tutti gli altri colleghi sindaci - ha commentato Arianna Cecchini -. Noi veniamo da una situazione particolare per la materna, dove finché abbiamo potuto, abbiamo sfruttato la possibilità delle sezioni Pegaso, ma poi non siamo riusciti ad ottenere quella statale. Il decreto ministeriale di luglio scorso ci ha messi in difficoltà, nonostante avessimo a scuola lo spazio a disposizione per un ulteriore sezione. Grazie all'Unione possiamo garantirla a queste trenta famiglie e sarà una sezione come le altre, con lo stesso tipo di percorso delle statali curato in accordo con Cred Valdera e con l'istituto, non ci saranno bambini di serie B. Stiamo lavorando per essere pronti a settembre".

La sezione aggiuntiva con 30 iscritti a Capannoli costerà all'Unione Valdera circa 40mila euro, forse qualcosa meno. Il personale didattico verrà attinto da un albo di educatori qualificati attraverso il Cred e il coordinamento educativo della Valdera.

"La situazione - ha commentato il sindaco di Calcinaia delegato al settore scuola, Lucia Ciampi - è stata presa a cuore da tutta la giunta dell'Unione e siamo orgogliosi della decisione che abbiamo preso. Non trattandosi di sezione Pegaso, la chiameremo sezione Valdera, proprio per rimarcare l'orgoglio e dimostrare che siamo capaci di una buona governance del territorio. Ed è venuto anche il momento di far sapere ai cittadini, ancor più di prima, ciò che facciamo all'interno di questo ente".

Anna Dainelli
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Politica

Politica