comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°27° 
Domani 14°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 24 settembre 2020
Giani
863.615
 
48.62%
Ceccardi
718.605
 
40.46%
Galletti
113.692
 
6.40%
Vigni
7.664
 
0.43%
Fattori
39.668
 
2.23%
Barzanti
16.061
 
0.90%
Catello
16.992
 
0.96%
corriere tv
Sgarbi su Suarez: «È più grave che i ministri non conoscano i congiuntivi, come Di Maio»

Attualità venerdì 11 novembre 2016 ore 14:32

Aumenti mensa, Terreni spiega la situazione

70 centesimi in più a pasto, una madre ha paventanto l'ipotesi panino per i due figli. Il sindaco: "Tariffe cresciute solo per Isee sopra 40mila euro"



CASCIANA TERME LARI — Il sindaco Mirko Terreni ha spiegato la situazione dopo le proteste di una madre che aveva denunciato l'aumento della mensa scolastica. La lettera della madre, inviata sia alla stampa che all'assessore alla scuola del Comune di Casciana Terme Lari Simona Cestari si può leggere integralmente in fondo all'articolo. La madre ha parlato dell'aumento di 70 centesimi a pasto affermando di non aver ricevuto comunicazioni preventive e di essersi accorta del rincaro solo quando è arrivato il bollettino di pagamento. La donna ha criticato anche l'uso dell'indicatore Isee e ha ventilato l'ipotesi di mandare a scuola i propri figli con cibo da casa, citando la sentenza detta del panino in classe.

Queste le parole di Terreni: "Abbiamo dovuto unificare le tariffe tra Lari e Casciana Terme. C'è stata quindi una nuova gara d'appalto e abbiamo rimodulato i costi che erano diversi sui due territori. Volevamo trovare un punto di equilibrio, tenendo come punto fermo agevolazioni delle fasce medie e basse. Per questo il nostro Isee agevolato riguarda famiglie con indicatore inferiore a 40mila euro".

Terreni ha aggiunto che prima di prendere la decisione la giunta si è confrontata con la commissione mensa, composta dai rappresentanti genitori di Casciana Terme Lari per le scuole elementari e asilo: "Ci siamo confrontati con questa commissione, un passaggio non obbligato ma una nostra scelta per condividere l'attività del Comune. Durante l'incontro ci sono state due proposte tariffarie, una da 5 euro e una da 4,80. La differenza era che per quella da 4,80 l'Isee si sarebbe fermato intorno a 30mila euro. La scelta di 40mila euro permette a chi ha un Isee inferiore di pagare quanto l'anno scorso, oppure meno. E' ovvio che sopra i 40mila euro le famiglie hanno subito un aumento".

Per quanto riguarda la mancata comunicazione Terreni ha chiarito: "Al momento dell'iscrizione al servizio è stata data un'informativa coi costi, in più sul sito del Comune già dell'estate c'è un calcolatore per sapere i costi in base al proprio Isee".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Sport

Attualità

Attualità