Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:12 METEO:PONTEDERA19°30°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 21 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gianni Morandi, l'incidente nel fuoco e la paura: «Urlavo e piangevo, non so come ho fatto a uscire dal braciere»

Cronaca domenica 21 febbraio 2021 ore 08:00

La bonifica spetta al curatore fallimentare

L'ex vetreria-marmeria Lenzi

Il Consiglio di Stato dà ragione al Comune, accollando al curatore fallimentare che detiene l’Ex Marmeria Lenzi il compito della bonifica del sito



CASCIANA TERME LARI — "Il Consiglio di Stato accoglie il ricorso in appello del Comune di Casciana Terme Lari e individua nel curatore fallimentare che detiene l’Ex Marmeria Lenzi il soggetto a cui spetta la bonifica del sito". A renderlo noto, con sollievo e soddisfazione, è la stessa amministrazione comunale. Per la quale "la sentenza mette un punto dopo anni di battaglie che il Comune ha portato avanti affinché l’area, un tempo sede delle attività della Edil Blu (oggi fallita), fosse messa in sicurezza sia dal punto di vista ambientale che sanitario, vista la presenza di inquinanti come amianto accertati da Usl ed Arpat e dallo stato di incuria e degrado che è impossibile non notare attraversando Via Dante Alighieri, dove sorge l’immobile".

E’ dal 2014 che il Comune è impegnato direttamente per arrivare ad una risoluzione del problema, per la tutela della salute e dell’incolumità dei cittadini.

“Di fronte alla necessità di bonificare quest’area - ha commentato il sindaco Mirko Terreni - nel tempo abbiamo cercato punti di incontro con la curatela, che sempre ha respinto al mittente le richieste di intervento; abbiamo quindi deciso di intervenire dando un incarico ad un legale, ma la controparte mai si è resa disponibile ad assumersi le proprie responsabilità neppure quando come Comune abbiamo chiesto l’intervento di Arpat e Azienda Usl che hanno accertato la necessità della messa in sicurezza dal punto di vista ambientale del sito”.

Nel 2018, con una ordinanza sindacale, il Comune chiese al curatore fallimentare di provvedere alla bonifica dell’area ma la sua risposta fu un ricorso al Tar, che dette ragione alla curatela. Da qui il ricorso da parte del Comune al Consiglio di Stato, che oggi ha di fatto ribaltato la sentenza del tribunale amministrativo regionale.

"In qualità di detentore dell’immobile inquinato - hanno specificato dal Comune, riferendo della pronuncia del Consiglio di Stato -, è il curatore fallimentare ad essere obbligato a mettere in sicurezza i rifiuti e a rimuoverli, avviandoli allo smaltimento o al recupero, specificando tra le altre cose che l’abbandono dei rifiuti e in generale l’inquinamento costituiscono esternalità negative di produzione, diseconomie esterne generate dall’attività d’impresa, i cui costi di gestione quindi ricadono sui creditori dell’imprenditore fallito".

“Ora è necessario che la curatela provveda subito alla messa in sicurezza dell’Ex Marmeria dal punto di vista ambientale - ha sottolineato Terreni - per eliminare tempestivamente e in modo definitivo l'amianto, i rifiuti e il conseguente degrado presente nel sito".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tre i Comuni attorno a Pontedera in cui, nelle ultime 24 ore, la Ausl Toscana nord ovest ha accertato nuove positività al virus
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Enzo Dini

Domenica 20 Giugno 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità