Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:30 METEO:PONTEDERA18°30°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 20 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Inginocchiati o ti sparo»: il video de Il Foglio della lite al ristorante di Albino Ruberti, capo gabinetto di Gualtieri

Attualità martedì 14 giugno 2022 ore 17:34

"Fallimentare assemblea sulla Grillaia"

Il Gruppo Zero presente all'assemblea pubblica sulla Grillaia

Il Gruppo Zero, nato per contrastare la riapertura della discarica per conferirvi amianto, stronca l'iniziativa voluta dall'amministrazione comunale



CHIANNI — Sabato mattina la palestra di Chianni ha ospitato una assemblea pubblica che, indetta dall’amministrazione comunale, aveva come tema “Grillaia: criticità e soluzione approvata”. Una iniziativa che viene oggi giudicata fallimentare dal Gruppo Zero, nato all'indomani della notizia della riapertura della discarica della Grillaia, per una "messa in sicurezza" attraverso il conferimento di 270mila metri cubi di fibrocemento contenente amianto.

"Pochissimi i cittadini presenti - hanno commentato dal Gruppo Zero -. E già questo potrebbe bastare per dire che l’Assemblea sia stata un totale fallimento. Gli esperti chiamati dal Sindaco erano due: un Ingegnere e un Professore universitario di Scienze Forensi. L'ingegnere, in sintesi, ha cercato di far capire che potremmo subito non morire tutti di amianto ma nel tempo... solo un numero limitato di persone e comunque visto che la discarica la fanno, non sarebbe male provare a barattare con la proprietà qualche vantaggio di tipo economico. Così a suo parere la comunità potrebbe, per esempio togliendo le onduline di eternit dai pollai della zona, arricchirsi anche economicamente da una situazione che certamente con la riapertura della Discarica diventerà problematica per tutta la collettività".

"Inoltre l’Ingegnere, ha sostenuto - prosegue la nota del Gruppo Zero -, in questo caso trovando il nostro plauso, che il territorio oltre a subire i rischi del conferimento amianto vedrebbe anche aumentare pesantemente i problemi legati al traffico intenso di camion ininterrottamente per anni. L'altro esperto, Professore universitario, ha sostanzialmente ricordato che la democrazia è un sistema di poteri diversi che vanno rispettati. E' la legge. Bene ha fatto, il Sindaco di Chianni, diceva il Professore, a rispettare la decisione della Regione Toscana e ad accettare quindi la riapertura della discarica".

"Della serie Lex dura sed lex la legge va accettata. La lotta non esiste per questo esimio professore. Obbedire. Obbedire. Obbedire. Anche a soprusi evidenti come questo della sporca faccenda della Grillaia che sostanzialmente, anche a livello giudiziario, ancora non è stata trattata adeguatamente avendo per altro il Tar deciso di non accogliere il Ricorso dei Cittadini solo per questioni esclusivamente procedurali senza arrivare a discutere il merito della intricata faccenda piena di lati oscuri e di molte contraddizioni".

"In seguito - si segnala nella nota -, a parte qualche richiesta di chiarimento sulla situazione pericolosa nella quale ci si verrà a trovare, sono intervenuti uno dopo l'altro i cittadini riuniti nel Gruppo Zero. Tutti hanno sostanzialmente rimarcato le gravissime responsabilità dell'Amministrazione Comunale a non aver voluto contrastare la Delibera Regionale non attuando una lotta adeguata alla gravità della situazione. Situazione che, giorno dopo giorno, ci pare stia facendo avere al Sindaco e ai suoi una fottutissima paura per una prospettiva se non apocalittica quanto meno molto molto problematica, certamente in misura maggiore di quanto loro abbiano scelleratamente finora considerato. Siamo praticamente in presenza di un vero e proprio psicodramma. Con la Regione Toscana e la Proprietà a brindare perché pare stiano vincendo alla grande. L’Amministrazione Tarrini invece è un disastro su tutta la linea. Per altro evidenziato dalla scarsissima partecipazione della popolazione all’Assemblea".

"Escluso i componenti del Gruppo Zero e del Coordinamento Valdera Avvelenata - concludono dal Gruppo Zero -, pochissimi sono stati i cittadini presenti. Un numero non superiore alla somma delle dita delle mani. Noi proponiamo di continuare la lotta per la non Riapertura della Grillaia, per il ritiro della Delibera Regionale sull’Amianto e per la definitiva Chiusura della Discarica a Rifiuti Zero. Chiediamo immediatamente che i tre Sindaci di Lajatico, Terricciola e Chianni promuovano una pubblica assemblea con un solo punto all’Ordine del Giorno: “Come impedire la riapertura della Grillaia”. Inoltre a breve comunicheremo nostri nuovi momenti di mobilitazione per tutta la Vald’Era. La lotta non finisce qui".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Operai e dipendenti comunali subito al lavoro per intervenire sulle criticità. Qualche tetto scoperchiato e tanti alberi finiti per strada in Valdera
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Politica

Sport

Cronaca