Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PONTEDERA16°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 16 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità mercoledì 14 gennaio 2015 ore 09:45

​Crepe nella scuola, è colpa del terreno

Secondo lo studio dei geologi, devono essere consolidate le fondamenta che poggiano su un terreno “influenzabile” dalle situazioni atmosferiche



TERRICCIOLA — La scuola materna in via Croce è chiusa e sembra sia tutta colpa del terreno sul quale è costruita. Questo il succo della relazione stesa dai tecnici dopo lo studio geologico sulla struttura che fino a fine novembre ospitava una settantina di bambini dai 3 ai 5 anni, ora spostati nei locali della biblioteca di Morrona.

Dai rilievi geologici emergerebbe che le lesioni e le crepe più vistose, tutte viaggianti in modo orizzontale, sarebbero in corrispondenza del solaio di calpestio e del piano terra. Secondo i tecnici, l’origine di queste crepe sarebbe stata causata dalla presenza di cedimenti fondazionali di tipo differenziale, cioè del tipo di terreno su cui è stata costruita la scuola, che risente molto delle precipitazioni atmosferiche.

Sempre secondo i tecnici che hanno effettuato i rilievi, il progetto di riqualificazione dell’edificio scolastico dovrà posizionare fondazioni profonde fra la struttura e gli strati di terreno. Intanto il Comune sta lavorando al piano di recupero della scuola, chiedendo l’8 per Mille e l’inserimento dello stabile nel progetto “Scuole Sicure” del governo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Numeri ancora alti quelli sui nuovi contagi giornalieri, ma nella zona tra Valdera e Valdicecina nelle ultime ore ci sono state 85 guarigioni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità