Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:PONTEDERA13°26°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 21 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Azovstal, il ministero della Difesa russo rilascia il video della resa degli ultimi soldati

Attualità lunedì 19 febbraio 2018 ore 10:13

Un museo dedicato a Galileo

Alberto Fausto Vanni

L'idea è di "Progetto Repubblicano per Santa Maria a Monte" per l'anniversario della nascita dello scienziato, il cui padre era originario del borgo



SANTA MARIA A MONTE — Un museo dedicato a Galileo Galilei, lo scienziato pisano il cui padre era originario del borgo. Questa l'idea proposta dal Progetto Repubblicano per Santa Maria a Monte. in occasione dell'anniversario della nascita dello scienziato pisano.

"Per far rivivere il centro di Santa Maria a Monte - ha commentato Alberto Fausto Vanni - occorre un progetto totale che guardi ai servizi, il primo in anzitutto il parcheggio. Come abbiamo presentato alcuni mesi fa, (L’Idea P.) un parcheggio nella valle del Marchetti ( 150 posti auto) e il collegamento, con una sorta di funicolare per raggiungere piazza della Vittoria e il centro storico. Per costruire una nuova dimensione di Santa Maria a Monte è opportuno partire dalle fondamenta, non dal tetto come è stato fatto dalla giunta Parrella. Le attività se non hanno servizi come i parcheggi e un progetto studiato nei dettagli la vita di queste attività è destinata a triste conclusione".

Il gruppo propone un progetto denominato Salotto Santa Maria a Monte. "Visto che a Santa Maria a Monte hanno vissuto personaggi famosi come Vincenzo Galilei, babbo dello scienziato Galileo Galilei. Avere questa opportunità e non dargli la giusta considerazione a noi sembra illogico - sostiene Vanni -. La nostra proposta è quella di costituire un museo per ricordare Galileo Galilei e il babbo Vincenzo nato a Santa Maria a Monte, 3 aprile 1520 morto a Firenze, 2 luglio 1591, che è stato un compositore, teorico musicale e liutista italiano, nonché padre del famoso astronomo e fisico Galileo Galilei e del liutista Michelangelo Galilei con il quale viaggiò spesso all'estero. Fu uno dei membri più brillanti e attivi della Camerata fiorentina dei Bardi. Entrò in conflitto con la tradizione classica sostenuta dal suo maestro Zarlino, che attribuiva la consonanza tra tutti i suoni al controllo delle proporzioni numeriche; con il suo Discorso intorno all'Opera di Messer Gioseffo Zarlino da Chioggia e il Dialogo della musica antica e della moderna, propose di ritornare alla melodia monodica contro l'imperante polifonia contrappuntistica".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto a Peccioli, nella strada che costeggia il lago della Piappina. Richiesto l'intervento anche dell'elisoccorso Pegaso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Cultura

Cronaca