QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12°23° 
Domani 13°19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 25 maggio 2019

Attualità mercoledì 30 settembre 2015 ore 18:00

Il Consiglio condanna i fatti di lunedì notte

Dal Pd al Movimento cinque stelle fino a Forza Italia: tutti hanno approvato un Odg contro il gesto violento. Le parole di Millozzi e Toncelli



PONTEDERA — Il gesto dell'uomo 45enne che nella notte tra lunedì 28 e martedì 29 settembre ha sfondato la porta del palazzo sede del Comune (dove si è ripresentato a protestare anche nel pomeriggio del 30 settembre, ndr) è stato condannato da tutte le forze politiche, durante il Consiglio comunale in programma proprio nella giornata di martedì.

Il sindaco Simone Millozzi a conclusione dei lavori, ha scritto: “Ringrazio tutti i consiglieri comunali di Pontedera che oggi all'unanimità hanno approvato un ordine del giorno che condanna fermamente il gesto violento di questa notte sottolineando come esso abbia creato una violazione inaccettabile alla casa comune di tutti ed una ferita grave alla nostra comunità. Un atteggiamento di tutte le forze politiche che mi riempie di orgoglio perchè costituisce un argine importante alle degenarazioni di commenti beceri e superficiali circolanti sui social network sull'argomento. Questa sera il Consiglio Comunale di Pontedera ha scritto una bella pagina di cui la nostra bellissima Città ha davvero bisogno”.

Il giorno dopo è intervenuta sulla questione anche la consigliere del Movimento cinque stelle Fabiana Toncelli che, citando anche l'altro consigliere eletto Andrea Paolucci si è dissociata dal gesto del 45enne, rispondendo così anche ai molti che, sui social network, chiedevano la sua opinione: “Personalmente ritengo che certi gesti si commentino da soli; se fino ad ora non sono pubblicamente intervenuta, le ragioni sono da addurre alla volontà di non dare ancora più enfasi ad un gesto che a mio avviso dovrebbe solo essere stigmatizzato, condannato, restare isolato e far indignare tutti. Sono a scrivere solo per rispetto dei molti che mi hanno citato, su questo gruppo e non solo, invitandomi a chiarire la mia posizione che non può che essere quella del Movimento che fieramente cerco di rappresentare al meglio. Non rappresento e mi dissocio totalmente da quanti incitano alla violenza, dai fomentatori di odio, da quanti hanno reso plauso all'autore del danneggiamento che poteva avere conseguenze ben peggiori. Il Movimento 5 Stelle rifiuta la violenza e la condanna senza se e senza ma. Nella fattispecie, il soggetto è recidivo in quanto si era già reso protagonista di altre azioni sconsiderate, provocando danneggiamenti al patrimonio comune, presso il municipio come pure all'ospedale Lotti. Il soggetto in questione tra l'altro da tempo sta ricevendo aiuti dal comune che si è fatto interamente carico dei costi relativi a vitto e alloggio di moglie e figlia.Terrificanti alcuni post nei quali si invita all'emulazione o peggio ad una replica nell'ora di punta. Mi si chiede quale sia la posizione? Perché, c'è un'altra posizione possibile di fronte ad un simile gesto?! Forse tra voi qualcuno si sarebbe aspettato da noi un bel volantinaggio, un porta a porta dove si invitavano tutti i meno abbienti a dirigersi verso il comune... possibilmente in macchina. 2 giorni fa uno ha sfondato il comune, oggi un altro potrebbe sfogare la sua rabbia sulla scuola che frequenta vostro figlio, domani uno prende a sprangate un monumento. Qual è il tasso di barbarie che siete disposti a tollerare se accettate di buon grado che un tizio si permetta di entrare in casa vostra a bordo di un'auto? Sì perché il comune e' casa vostra: non importa per chi votate e nemmeno se non votate, e' la casa di tutti. Mi hanno puntato il dito: tu Fabiola non sei un medico e quindi non puoi affermare che si tratta di un gesto folle! Geniale: infatti non si può definire opera di un piromane quella in cui un tizio incendia 15 macchine...già, serve una perizia. Io vi invito a riconsiderare le vostre posizioni perché quella del M5S, di Paolucci e la mia sono fin troppo nette e chiare. Per noi la violenza, l'abuso e il compiere atti scellerati non saranno mai la soluzione o la strada da percorrere. Quelli che avrebbero sperato che proponessimo l'intitolazione di una strada al sig. Pizzo o avrebbero voluto vederlo prossimo candidato sindaco, cerchino le loro risposte altrove perché l'intolleranza ( che è ridondante e sistematica da parte di qualcuna), il cieco e bieco livore a prescindere, la violenza, la logica del tanto peggio tanto meglio, non troveranno mai una sponda in Fabiola Toncelli e, sono certa, in tutti coloro che come il M5S, hanno l'obesità nel dna”



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Cronaca