Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:40 METEO:PONTEDERA19°33°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Salman Rushdie, il momento dell'accoltellamento a New York

Attualità giovedì 25 febbraio 2021 ore 14:32

Soldi per i territori di Palaia e Terricciola

I due Comuni della Valdera, insieme a Castelfranco di Sotto, sono gli unici della provincia di Pisa a ricevere fondi contro il dissesto idrogeologico



PALAIA — Sono 59 i Comuni toscani ammessi ai contributi ministeriali per la messa in sicurezza del territorio contro il dissesto idrogeologico per un valore di oltre 45 milioni di euro. Lo stabilisce il decreto del Ministero dell'Interno e Mef, pubblicato ieri, martedì 23 Febbraio Nell'elenco compaiono soltanto tre Comuni della provincia di Pisa: Palaia, Terricciola e Castelfranco di Sotto.

Palaia riceve ben 860mila euro per due progetti, entrambi riguardanti la messa in sicurezza del versante di via della Fonte. Terricciola, invece, beneficerà di 583mila euro, anche in questo caso per due progetti: il primo per l'area di Morrona colpita anni fa da un incendio, il secondo per la messa in sicurezza del versante nei pressi delle scuole di Terricciola.

"Davvero una bella notizia - ha commentato il sindaco di Palaia, Marco Gherardini -, accompagnata dalla partenza in questi giorni dei lavori di sistemazione delle frane in località La Casina (660mila euro) e di quelli riguardanti il quarto lotto di Toiano (310mila euro), interventi questi finanziati l’anno scorso dalla Regione Toscana. Sempre alla Regione quest’anno abbiamo poi chiesto il finanziamento delle spese progettuali per la sistemazione del versante della Pieve e per il ripristino di una frana nella frazione di Gello. Non mancano ulteriori criticità che dovremo saper impattare attraendo i finanziamenti necessari. Andiamo avanti consapevoli che la lotta contro il dissesto idrogeologico, specie per un Comune bello ma molto fragile come il nostro, è assolutamente centrale per il bene del territorio e per la sicurezza dei cittadini".

"Questa prima tranche di risorse statali è interamente dedicata al dissesto idrogeologico, poi verranno finanziati gli interventi per la messa in sicurezza di strade, scuole ed edifici pubblici" hanno specificato da Anci Toscana, rassicurando sui tanti progetti pervenuti da altri Comuni e al momento esclusi dai finanziamenti.

I progetti ammessi, non coperti da questa prima tornata, saranno comunque finanziati con risorse aggiuntive già previste (secondo i criteri stabiliti dall'art. 1 commi 139 e seguenti della L.145/2018); partecipare ai bandi è importante per rientrare in graduatorie che hanno una durata pluriennale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuovi decessi si sono registrati nelle ultime 24 ore tra area del capoluogo, Cuoio, Valdera e zona di Volterra. Tutti gli ultimi aggiornamenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità