QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 10 dicembre 2019

Cronaca mercoledì 07 marzo 2018 ore 22:58

Jihad su Fb, Jalal condannato in appello

Un anno e 8 mesi di carcere con pena sospesa è la sentenza dei giudici si appello per il marocchino assolto in primo grado per i suoi post su Facebook



FIRENZE — Dopo tre ore di camera di consiglio, i giudici della corte di appello di Firenze hanno escluso le aggravanti per Jalal El Hanaoui, marocchino di 27 anni residente a Ponsacco fin da piccolo, arrestato nel 2015 con l'accusa di inneggiare alla jihad attraverso i suoi profili Facebook e già assolto in primo grado a Pisa.

L'accusa in appello, sostenuta dalle tesi della Dda fiorentina, aveva chiesto per Jalal una condanna a 8 anni, che avrebbe comportato l'immediata espulsione e l'interdizione perpetua dai pubblici uffici, mentre la difesa aveva chiesto la conferma della sentenza di primo grado, ovvero l'assoluzione. Saltando le aggravanti, la condanna è stata a un anno e 8 mesi, con immediata sospensione della pena, per il reato dell'istigazione a delinquere.

Adesso si attende che siano depositate le motivazioni della sentenza, così da capire con esattezza di cosa i giudici abbiano ritenuto colpevole Jalal e di cosa no. L'imputato, presente in aula, avrebbe accolto con soddisfazione la sentenza, che di fatto ridimensiona l'impianto accusatorio, mentre i suoi difensori, gli avvocati Tiziana Mannocci e Marco Meoli, attenderanno di leggere le suddette motivazioni per valutare se ricorrere in Cassazione. Ma anche loro si sono detti soddisfatti.



Tag

Morto Vannoni, quando difendeva il «metodo stamina»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità