Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:11 METEO:PONTEDERA17°31°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Fiola, l'assurda esultanza al gol contro la Francia: spacca un computer davanti a una donna spaventata

Attualità mercoledì 08 novembre 2017 ore 11:45

Tre milioni di euro per il Monte Pisano

Il Monte Pisano

La Regione finanzia il Pit presentato dalle aziende e dai Comuni di Buti, Calci, Capannori, Lucca, San Giuliano Terme, Vecchiano e Vicopisano



FIRENZE — L'unione fa la forza. E' proprio il caso di dirlo per il Piano territoriale integrato (Pit) Montepisano finanziato dalla Regione Toscana, nell'ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020, con 3 milioni di euro da destinare a investimenti per contrastare il dissesto idrogeologico tramite azioni di tutela e salvaguardia del paesaggio, in particolare con il ripristino della corretta regimazione delle acque superficiali e della rete viabile secondaria e sentieristica, di questa pregevole area montana che si estende per una lunghezza complessiva di 20 chilometri, per una superficie di 15.200 ettari tra Lucca e Pisa, e che vede nel monte Serra la sua vetta massima, prossima ai mille metri sul livello del mare.

Un progetto che per la prima volta vede pubblico e privato mettersi insieme con l’obiettivo di tutelare un intero territorio superando i localismi e che viene premiato grazie al valore della “destinazione Montepisano” che ha aggregato ben 183 partecipanti, tra i quali 165 imprese, aziende, proprietari o possessori di terreni agricoli sul Monte Pisano, 7 amministrazioni locali (Buti, Calci, Capannori, Lucca, San Giuliano Terme, Vecchiano, Vicopisano) - che dal 2015 hanno istituito il coordinamento dei Comuni dei Monti Pisani - oltre al capofila, l'Oleificio sociale dei Monti Pisani di Vicopisano e al Museo di Storia Naturale di Calci.

Per arrivare al finanziamento del Pit Montepisano hanno lavorato a lungo l'assessore regionale all'agricoltura Marco Remaschi e il consigliere pisano del Pd Antonio Mazzeo.

Gli interventi finanziati dalla Regione riguardano la difesa e la prevenzione dal rischio idrogeologico come il ripristino di muretti a secco, opere di regimazione di acque superficiali, recinzioni per difesa da selvaggina, invasi collinari per recupero acque piovane, opere di ripristino in zone danneggiate da frane. 

Sono 171 le opere programmate: 48 nel Comune di San Giuliano Terme; 41 nel comune di Buti; 34 nel comune di Vicopisano; 33 nel Comune di Calci; 10 nel Comune di Capannori; 2 nel Comune di Lucca. I progettisti del Pit Montepisano sono: Timesis, Net7, Pardi associati, Pfm, con il contributo del Cai di Pisa.

I 2.987.958 euro di finanziamenti concessi a fondo perduto saranno così ripartiti: 2.799.277 euro per ripristino muretti a secco, opere di regimazione acque superficiali, recinzioni per difesa da selvaggina; 12.881 euro per medesime opere di cui sopra, ma realizzate ex novo, più realizzazione di invasi collinari per recupero acque piovane; 75.800 euro per opere di ripristino in zone danneggiate da frane; 100mila per attività di coordinamento, animazione, divulgazione.

Sulla scia di questi interventi, le amministrazioni coinvolte si attendono un ritorno economico per il territorio, intravedendo nel Monte Pisano un luogo di interesse per il turismo ambientale.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il furto è avvenuto al ponte alla Botte, dove sono sparite sei vaschette di fiori che abbellivano la zona. La rabbia del sindaco
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Francesca Viscariello

Venerdì 18 Giugno 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Attualità

Politica