QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 6° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 13 dicembre 2019

Cronaca venerdì 17 gennaio 2014 ore 19:07

I successi del Sant'Anna presentati in un video

Tra i progetti più promettenti quelli sviluppati in via Piaggio a Pontedera



PONTEDERA — 34 imprese attive, circa 180 addetti qualificati e 13 milioni di euro annui come fatturato. Sono questi i numeri della scuola superiore Sant'Anna in fatto di spin-off, le aziende che sviluppano progetti in grado di stare sul mercato e che in buona parte in materia di Bio Robotica e in parte nell'ambito delle scienze della vita si trovano a Pontedera su via Piaggio. La storia di questi progetti iniziata nel 1991 è stata raccontata per immagini in un video presentato il 17 gennaio in anteprima alla presenza del Rettore Pierdomenico Perata, del direttore dell’Istituto di Bio Robotica Paolo Dario, del Delegato al Trasferimento tecnologico Andrea Piccaluga.

Il racconto per immagini delle sfide, dei successi, dei progetti più rilevanti in termini di innovazione, dei prossimi obiettivi di molte di queste imprese è ora sintetizzato in un video

La “prima visione” ha coinciso con la lezione inaugurale del corso “High technology business venturing” che vuole insegnare propriocome “fare impresa”, tenuto dallo stesso Piccaluga, docente di Economia e gestione delle imprese, da Alberto di Minin, ricercatore in Economia e gestione delle imprese e Consigliere del Ministro Maria Chiara Carrozza, e da Andrea Paraboschi, dottorando della Scuola Superiore Sant’Anna.

Non è stata casuale la scelta di proiettare questo video a margine della prima lezione del corso: dottorandi e studenti, i destinatari, seguiranno lezioni tanto con docenti della Scuola Superiore Sant’Anna e di altre istituzioni universitarie quanto con “uomini d’impresa” che racconteranno la loro esperienza. Quale testimonianza diretta e più efficace se non ascoltare le testimonianze di chi, partendo dai laboratori negli Istituti di ricerca, si è trasformato – con successo – in imprenditore, creando un’azienda spin-off e affrontando il mercato?

Il video e la proiezione sono serviti anche a contestualizzare con maggiore chiarezza la realtà delle spin-off della Scuola Superiore Sant’Anna, confermando la giusta direzione in cui si sta muovendo per attuare quella che viene definita la sua “terza missione”, ovvero iltrasferimento tecnologico. La prima impresa spin-off è nata nel 1991 e da allora si è sviluppata al punto da diventare un gruppo che oggi impiega circa 50 persone e che, da sola, fattura circa 5 milioni di euro. Dal 1991 sono state costituite in media due nuove imprese l’anno fino ad arrivare alle 34 imprese attive di oggi.

“I settori di appartenenza di queste imprese – commenta Andrea Piccaluga - riflettono le specificità tecnologiche della ricerca della Scuola Superiore Sant’Anna: l’automazione industriale e la robotica, il biomedicale, l’Ict (Information Communication Technology, ndr) e una componente dedicata ai servizi di consulenza in campo aziendale, dell’energia e dell’ambiente, della progettazione e della comunicazione. Il 76,5 per cento delle aziende ha sede in Toscana, con una forte concentrazione nell’area Pisa – Pontedera; le altre sono localizzate per lo più nel centro Italia. Il video che oggi proiettiamo e per il quale dobbiamo ringraziare le oltre venti imprese che vi hanno partecipato, oltre ai soggetti finanziatori , è un supporto utile per il corso ‘High technology business venturing’. In trenta ore di lezione – aggiunge Piccaluga – affronteremo temi come la gestione dell’innovazione, la proprietà intellettuale e la redazione dei business plan d’impresa, per trasmettere ai partecipanti gli elementi fondamentali per dare forma alle proprie aspirazioni imprenditoriali. Magari – conclude – nei prossimi video parleranno da imprenditori quelli che oggi sono studenti. Se fosse così avremmo vinto la nostra scommesssa”.

Servizio Video


Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cultura

Attualità