QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13° 
Domani 11°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 14 dicembre 2019

Attualità mercoledì 30 settembre 2015 ore 17:50

Il meccanico d'officina incontra l'innovazione

Foto di: Mirko Melai

Iniziativa congiunta tra Professionale Pacinotti, Coreapi, Comune, agenzie formative. Presente la scuderia Nannini e il pilota Armando Mangini



PONTEDERA — Quando il meccanico di officina incontra il mondo delle auto sportive e l'innovazione.

Il tema è stato al centro della manifestazione promossa di concerto da Co.Re.A.Pi. e dalle agenzie formative Fo.Ri.Um.di Santa Croce s/Arno e Formatica di Pisa e coordinata da Luciano Bellini, ex docente dell’Ipsia Pacinotti.

E che ha visto la partecipazione degli studenti della classe 3 MAT (Manutenzione e Assistenza Tecnica) con indirizzo professionalizzante IPMM (Manutenzione dei Mezzi di Trasporto) e con indirizzo di Qualifica nel percorso I.e F.P. (Istruzione e Formazione Professionale) Operatore alla riparazione dei veicoli a motore, accompagnati dal prof. Andrea Marini.

Presenti, nella sede del Coreapi, nella zona industriale della Bianca, gli allievi frequentanti i percorsi CRESCO promossi dalle Agenzie formative, sotto la guida della loro docente Claudia Bellini.

I lavori sono stati aperti con il saluto dell’assessore all'Istruzione del Comune, Liviana Canovai. 

Che ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa che di fatto apre una collaborazione concertata fra mondo del Lavoro (Co.Re.A.Pi.- Consorzio di Aziende di Autoripatori), Enti di Formazione accreditati (Agenzie formative Fo.ri.um. e Formatica), (IPSIA “A. Pacinotti”) e mondo dello Sport (Scuderia Nannini Racing di Ponte Buggianese con il pilota Armando Mangini) come premessa per incentivare un settore professionale in continua evoluzione come quello del “meccanico-autoriparatore”.

Cinzia Mastromarino, ha portato i saluti delle agenzie formative FO.RI.UM. e FORMATICA.

Il presidente del Co.Re.A.Pi Giuseppe Desideri titolare dell’autofficina Desideri, ha fatto capire ai ragazzi quanto sia necessario “amare” questa professione, specie quando si presentano casi da risolvere: è lì che nasce il professionista. Usare gli strumenti fondamentali per la risoluzione dei problemi “calma e ragionamento”, diventa uno stile di lavoro.

Nel suo intervento Alberto Nannini meccanico della Scuderia Nannini Racing ha fatto presente ai ragazzi che nel preparare un’auto da competizione occorre conoscere in modo approfondito la meccanica e la tecnologia intese come funzionamento del motore e i materiali di cui è composto; e poi occorre conoscere l’elettronica e la sua applicazione compreso il linguaggio applicativo e padroneggiare la lingua inglese. Anche in questo settore sono predominanti la passione e un forte impegno.

Armando Mangini, gentleman driver con la formula 3000 del Team Italia con provata esperienza su strada e su pista, fregiato di diversi successi nelle gare, ha fatto presente che il meccanico preparatore deve essere pronto a recepire le informazioni trasmesse dal pilota durante le prove. Eseguite le corrette operazioni di messa a punto della macchina, il pilota deve sentirsi garantito nell'affidabilità dell’auto in modo da pensare “solo” a portare a casa il risultato. Il “suo” meccanico deve quindi saper interpretare ogni comunicazione coadiuvato dalle rilevazioni telemetriche.

Così come deve saper interpretare seppure in modo diverso un meccanico riparatore nel ruolo di capo officina di una casa automobilistica al quale il cliente si rivolge per la risoluzione di piccoli o complessi problemi, sostiene Luciano Bianchi già capo officina Alfa Romeo.

La professoressa Maria Giovanna Missaggia, nuova dirigente scolastica dell’Ipsia Pacinotti ha concluso la manifestazione dichiarando la propria disponibilità e il proprio entusiasmo a  proseguire questa importante iniziativa didattica e formativa. Ha  ringraziato il un mondo del lavoro attento alle dinamiche dei cambiamenti e ha sottolineato con fermezza che quanto possibile dalla scuola arriverà costantemente un segnale di stretta collaborazione finalizzato alla crescita culturale e civile dei propri studenti, molti dei quali presenti come stagisti nelle officine del consorzio.

Alberto Nannini e Armando Mangini hanno esposto due autovetture da competizione stradale e da pista.

Giuseppe Desideri ha esposto una Jaguar XJ6 4.2 del 1970 e un duetto Alfa Romeo cil 1600 definito “osso di seppia”.

Ferrini ha esposto una Lancia Fulvia Montecarlo, genuina che ha disputato il rally di Montecarlo.

Paolo Bacciardi ha esposto una Lancia Flavia.

La manifestazione si è conclusa con l’accensione F3000 Lola Zytek. Il suo “sound” per la soddisfazione dei ragazzi.



Tag

Vola sulla scopa come Harry Potter: qual è il trucco?

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Cronaca

Lavoro