QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°11° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 20 novembre 2019

Attualità venerdì 16 ottobre 2015 ore 13:40

Inaugurata la nuova centrale idrica

Investimento da tre milioni di euro, servirà Pontedera e le zone circostanti. A regime produrrà 100 litri al secondo. La soddisfazione di Acque spa



SANTA MARIA A MONTE — Un investimento da tre milioni di euro che servirà sia Pontedera che altre zone limitrofe. E' stata presentata questa mattina la nuova centrale idrica di Montecalvoli, nel Comune di Santa Maria a Monte.

Sei grandi serbatoi verdi, metri e metri di tubi, pompe, valvole, filtri, computer e complessi sistemi di telecontrollo. Acque SpA, gestore idrico del Basso Valdarno, ha realizzato una nuova centrale idrica, grazie ad un investimento di quasi tre milioni di euro. All'inaugurazione sono intervenuti il presidente e l'amministratore delegato di Acque Spa Giuseppe Sardu e Giovanni Paolo Marati, il direttore dell’autorità idrica Toscana Alessandro Mazzei, il sindaco di Santa Maria a Monte Ilaria Parrella e l’assessore all’ambiente della Regione Toscana Federica Fratoni. Presente anche il sindaco di Pontedera, Simone Millozzi.

La centrale idrica di Montecalvoli utilizza l’acqua dei pozzi già esistenti in zona e che al momento forniscono risorsa idrica, previa potabilizzazione, alla frazione di Montecalvoli e al deposito idrico di San Michele a servizio del capoluogo di Pontedera, dove va a integrare la risorsa principale proveniente dalla centrale di Bientina. Il nuovo impianto avrà principalmente il compito di abbattere l’incidenza del ferro e del manganese (elementi presenti in modo naturale nell’acqua di falda e che talvolta si manifestano con il fenomeno della torbidità in casi di lavori sulla rete) attraverso un processo di ossidazione e filtrazione: “Questa attività – spiegano i responsabili di Acque spa - oltre che a migliorare la qualità dell’acqua erogata, consentirà di accrescere notevolmente la capacità produttiva e distributiva della risorsa di Montecalvoli: all'avvio, la centrale produrrà 40 litri al secondo ma una volta a regime (entro la primavera 2016) si potranno raggiungere fino a 100 litri al secondo. Grazie alla nuova centrale sarà così possibile incrementare considerevolmente la risorsa trasferita al deposito di San Michele a servizio di Pontedera-capoluogo, aumentando la disponibilità complessiva della risorsa idrica del sistema Bientina-Cerbaie: una rete acquedottistica che serve oltre 100mila cittadini nei comuni di Bientina, Calcinaia Cascina, Castelfranco di Sotto, Pontedera, Santa Croce sull’Arno, Santa Maria a Monte, San Miniato e Vicopisano”.

“Alla fine – ha sintetizzato l'amministratore delegato di Acque spa Giovanni Paolo Marati - non saranno solamente i 20mila cittadini di Montecalvoli e Pontedera-capoluogo a beneficiare di questa infrastruttura ma indirettamente anche gli utenti collegati al sistema della Centrale di Bientina che potrà così ridurre i volumi di acqua prodotta e, seppur in maniera meno evidente, limitare la presenza di ferro e manganese nell’acqua erogata”.

“L'apertura della nuova centrale di Montecalvoli – ha spiegato il presidente di Acque spa, Giuseppe Sardu - rappresenta la prima di tre tappe che porteranno allo strutturale ammodernamento del sistema idrico Bientina-Cerbaie, rendendo definitivamente sostenibile il sistema sia in termini di disponibilità e di migliore qualità dell'acqua distribuita che in termini di impatto ambientale sulle falde acquifere. Le tappe successive sono l'apertura della nuova centrale di Ponte alla Navetta, i cui lavori sono in corso e il cui completamento è previsto per il 2017, e il potenziamento del sistema di abbattimento del ferro-manganese della Centrale di Bientina. Acque SpA, anche grazie al sostegno delle istituzioni, prosegue ad investire nel territorio in cui opera”.

"Inauguriamo oggi un intervento ricompreso tra quelli necessari per il superamento dell'emergenza idrica che si manifestò nel 2012 - ha detto l'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni -. Possiamo dire che siamo di fronte a un'azione ulteriore che qualifica la capacità del sistema toscano di rispondere in maniera efficace alle criticità. Il progetto è stato opportunamente sviluppato infatti per dare una soluzione definitiva ai problemi del distretto idrico interessato, cioè quello del Valdarno inferiore".



Tag

Un'alleanza con Salvini? Ecco cosa ha risposto Matteo Renzi

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Politica