QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 10°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 14 dicembre 2019

Attualità giovedì 30 aprile 2015 ore 09:15

Inizia il riconoscimento delle unioni civili

Dal 30 aprile entrano in vigore il registro che certifica le coppie basate su un vincolo affettivo e il testamento biologico. Diritti reali



CALCINAIA — Calcinaia riconosce le unioni civili, non solo a parole. Da oggi 30 aprile nel territorio calcinaiolo entrano in vigore il registro delle unioni civili e il testamento biologico, dopo le decisioni prese nel Consiglio comunale del 29 gennaio.

Quali diritti per le unioni civili - “A partire dal 30 Aprile, il Comune di Calcinaia riconoscerà tutti quei nuclei composti da due persone maggiorenni – scrivono gli amministratori - dello stesso sesso o di sesso diverso, che coabitano e la cui convivenza sia basata su un vincolo affettivo (inteso come reciproca assistenza morale e materiale). Le coppie che si iscriveranno al Registro delle Unioni Civili potranno godere di rilevanti diritti: i soggetti interessati saranno infatti equiparati al parente prossimo del/della proprio/a compagno/a, in modo da garantire la possibilità di assistenza. Su richiesta sarà inoltre rilasciato un attestato di unione civile: esso consentirà di veder riconosciuti diritti e benefici previsti da atti e disposizioni dell’amministrazione comunale”.

Testamento biologico - “Dalla medesima data, entrerà in vigore anche il testamento biologico. Chi lo vorrà, potrà recarsi all’ufficio servizi demografici ed emanare una dichiarazione anticipata di volontà, dando disposizioni riguardo ai futuri trattamenti sanitari (ovviamente nei limiti della legislazione nazionale vigente). Questo atto può essere revocato in qualsiasi momento e può prevedere l’indicazione di una persona di fiducia, alla quale affidare scelte che l’interessato non è più in grado di assumere”.



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cultura

Attualità