QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°22° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 14 ottobre 2019

Attualità giovedì 13 novembre 2014 ore 09:45

"Integrazione primo strumento per la sicurezza"

Papiani, Pirri, Millozzi e Belli
Papiani, Pirri, Millozzi e Belli

Il Partito democratico risponde ai Cinque stelle che ieri avevano detto di preferire un confronto diretto coi cittadini a quello con la maggioranza



PONTEDERA — “Per il centrosinistra le politiche di integrazione restano il primo strumento di prevenzione anche per governare al meglio fenomeni di degrado e insicurezza”. Il Pd di Pontedera risponde al Movimento 5 stelle che ieri aveva detto di preferire un confronto coi cittadini piuttosto che con la maggioranza, chiedendo un consiglio comunale aperto sulla sicurezza in città. Nella nota il Partito democratico fa notare che: “Il rifiuto del M5s a confrontarsi con le altre forze politiche non è un dispetto al Pd ma una rinuncia a svolgere il ruolo per il quale sono stati eletti dai cittadini. Sottrarsi ad un percorso di approfondimento e conoscenza unanimemente condiviso, per esigenze di propaganda, è una strada che non porta nessun contributo alla città e evidentemente nasce solo dal timore di confrontarsi seriamente sulle cose. Oltretutto vale la pena ricordare che era stata propria una forza della minoranza, per bocca del suo rappresentante Alessandro Puccinelli, a chiedere l’apertura di un tavolo per approfondire il tema. Questa frammentazione delle opposizioni, incapaci di sostenere in modo coeso e credibile dei percorsi di lavoro è un segnale negativo per la città”.

Il partito di maggioranza aggiunge: “Piaccia o non piaccia il Pd e la maggioranza di centrosinistra governano perché legittimati dal voto del 60% degli elettori. Elettori che certamente conoscono il profilo di governo della coalizione e il suo approccio ai problemi di convivenza. Certamente sanno, proprio perché come dicono i Cinque stelle quest’impostazione viene da lontano, che per il centrosinistra le politiche di integrazione restano il primo strumento di prevenzione anche per governare al meglio fenomeni di degrado e insicurezza. Di questo ne siamo convinti e non abbiamo timore a rivendicare che questa impostazione, al contrario di quanto si sostiene, abbia rappresentato un freno alla degrado sociale che i fenomeni migratori hanno determinato in molte altre città e dunque abbia contenuto anche i fenomeni di ordine pubblico”.

Il Pd conclude l'intervento: “E’ tuttavia legittimo che le opposizioni ne contestino l’impianto. Ciò che si capisce poco è quale modello alternativo si proponga. Meglio: s’intuisce una fascinazione del Movimento cinque stelle per le tesi di Forza nuova e di Fratelli d’Italia. Sarà interessante verificare come questa regressione egoistica e particolare dei grillini sui temi della sicurezza e dell’immigrazione, si concilierà con le tesi sui beni comuni e il pensiero universalistico che ne deriva. Ci hanno anticipato per mesi che vederci in Comune sarebbe stato un piacere, forse non sapevano che sarebbe stato anche faticoso. Noi restiamo fiduciosi e non ci sottraiamo in ogni caso al confronto, scriveva Pascal 'praticate le virtù e diverrete virtuosi' chissà che la frequentazione della democrazia e del confronto anche per i grillini non produca una qualche evoluzione”.



Tag

Quota 100, Salvini: «Se la aboliscono per tornare alla legge Fornero, ci barrichiamo in Parlamento»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Spettacoli

Cronaca

Cronaca