QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 15 novembre 2019

Cronaca giovedì 06 febbraio 2014 ore 18:59

La cultura si fa su "Sei di Pontedera se..."

Spopola il gruppo dei pontederesi su facebook: modi di dire, foto, ricordi, tradizioni che ti rendono un cittadino della città della Piaggio



PONTEDERA — Ne abbiamo già parlato perché da qui è nata l'idea di aiutare i ponsacchini alluvionati, ma il gruppo facebook Sei di Pontedera se... non è solo questo, è anche un modo per rimarcare l'appartenenza a una città, a un modo di essere e a una “cultura” del territorio. Aneddoti tristi o allegri, personaggio, fotografie, modi di dire, locali, abitudini, fanno la differenza tra chi li conosce e chi non li conosce, tra essere di Pontedera o non esserlo. Se è vero che la storia si fa anche dalla lingua e dalle abitudini, come diceva Marc Bloch, il gruppo di Pontedera è una serie di “documenti” che forse un domani qualche studioso riterrà preziosi. Un modo per ricordare, ma anche per rimarcare una differenza tra gli appartenenti ad un gruppo e chi invece sta fuori da questo. Non una forma di campanilismo, ma una sorta di radici comuni che in tempi di post-globalizzazione tornano fuori con prepotenza.

E così ecco che nel modo di dire, Sei di Pontedera se tuo figlio lo prendi in collo, non in braccio" e "se lo metti a ceccia, anziché a sedere”, postato da un membro del gruppo si riscopre una sorta di lessico familiare comune. Ma non solo c'è anche chi invece rivendica la sua identità pontederese con ironia e scrive: “Sei di Pontedera se quando ti arrabbi dici: ti rigiro come un calzino” oppure "ti piglio a schiaffi due a due finché un diventan dispari".

Attualmente sono iscritte alla pagina più di 2000 persone e proprio oggi il gruppo che si è aggregato intorno a Sei di Pontedera se... ha lanciato insieme al Comune la sottoscrizione per i ponsacchini alluvionati.

Non si ferma qui però la storia dei pontederesi sul gruppo, c'è anche chi dice: “Sei di Pontedera se: quando qualcosa va storto affermi "Va tutto a ballodole". O chi di fronte alla mancanza di buon senso esclama: "Un si pole mette la cravatta al maiale". E ancora a Pontedera, garantiscono gli iscritti al sito, si dice “Oh nini, o di chi sei” per chiedere chi sono i tuoi familiari e ancora ma "Dove l'hai trovato...nel Tide?” per chiedere con ironia come hai conosciuto un tuo amico e infine “Se un bimbo ti rompe le palle alzi la voce lo chiami: "palle” per rimetterlo a posto".

Questi sono solo alcuni esempi, ma per capire cosa significa essere pontederesi nell'anima basta andare sul gruppo “Sei di Pontedera se....” 



Tag

Venezia sott'acqua, la peggiore marea degli ultimi 50 anni: le immagini dall'elicottero

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Cronaca

Attualità