QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 22 novembre 2019

Lavoro giovedì 30 ottobre 2014 ore 16:01

La promozione del territorio si fa anche a tavola

Il vicesindaco Angela Pirri presenta i Giovedì della Caccia, le serate di promozione enogastronomica della Valdera. L'economia riparte anche da qui



PONTEDERA — Tornano i Giovedì del Gusto a Pontedera. La rassegna enogastronomica organizzata da Enrico Bimbi e sostenuta anche dal comune di Pontedera, in particolare dall'assessorato dalle attività produttive rappresentato dal vicesindaco Angela Pirri. Cinque ristoranti nel mese di novembre in serate diverse, organizzano le cene promozionali per quest'anno improntate alla caccia e dintorni, interamente confezionate con prodotti del territorio, quindi di filiera corta e curate da chef di livello in cinque ristoranti di Pontedera, dove verranno proposti i piatti tipici della zona con accostamenti di vini prodotti nell'area della Valdera. Le cene saranno proposte agli avventori a prezzi particolarmente bassi. Un occasione per valorizzare il territorio i suoi prodotti tipici e i locali della zona. Si comincia giovedì 6 novembre al ristorante Le Sodole con il menù dedicato agli animali selvatici della tenuta degli Azzoni e si continua poi al ristorante la Cantinetta vini giovedì 13 novembre con il menù dedicato al bosco: Signori e signore... ecco sua eccellenza il bosco. Giovedì 20 novembre le cene da intenditori si spostano al ristorante la Pergola il menù è Dalla Penna al Daino la tradizione che innova. Al ristorante Aeroscalo giovedì 27 invece va di scena il menù Dal porcino alla lepre passando dal tartufo e dalla Pernice. Giovedì 4 dicembre si chiude il ciclo della cene a tema locale alla griglieria pizzeria CiRitorno Con le creazioni del maestro norcino Luca Marianelli di Montopoli.

“Questa iniziativa – ha spiegato il vicesindaco di Pontedera Angela Pirri - nasce dall'esigenza oggi sempre più pressante di promuovere e valorizzare il nostro territorio e i suoi prodotti caratterizzati dalla loro specificità e dai rigidi disciplinari italiani. La cultura non è solo Leonardo da Vinci o la scienza, ma è anche scoprire le tradizioni, i prodotti il modo di vivere di mangiare e molto altro di un territorio. Se si pensa che i prodotti enogastronomici italiani sono tra i più esportati la mondo capirete il valore anche in termini economici della riscoperta della tipicità di un territorio, non è un caso che oggi secondo le statistiche la facoltà di agraria sia tra quella più frequentate e che offre ancora delle opportunità ai suoi laureati. Noi partiamo da un dato; fino a pochi anni fa tutti speravano di andare a lavorare nei “call center” con tutto il rispetto per chi vi lavora, oggi i giovani cominciano a riscoprire il valore di saper fare e produrre le cose. In questo senso I giovedì della caccia e dintorni tende a promuover e a valorizzare il nostro territorio promuovendolo e facendolo conoscere nella speranza di riuscire a creare e potenziare l'indotto economico di un territorio. Oggi più che mai è importante che le realtà locali facciano rete tra loro, in primo luogo per resistere ai tentativi di portare via dall'Italia i brand del settore enogastronomico del nostro territorio recando un danno pesantissimo all'economia del paese e all'immagine, visto che poi i prodotti non italiani, ma che portano nomi italiani fatti all'estero non sono del livello dei nostri. Attraverso un rete di filiera corta è possibile tutelare da un lato e dall'altro promuovere”.


© Riproduzione riservata



Tag

Libia, Conte: «Lavoriamo per un rapido cessate il fuoco»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Politica