QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16° 
Domani 17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 26 aprile 2019

Attualità mercoledì 01 giugno 2016 ore 17:30

La Bplaj del futuro pensa ai giovani

Nel paese dove 132 anni fa nacque la banca è stato presentato il piano strategico 2016-18. Tra gli obiettivi un maggior coinvolgimento degli under 40



LAJATICO — "Questa è la nostra casa, siamo qui per conoscere e incontrare i soci i clienti per comunicare" con queste parole il presidente della Banca popolare di Lajatico Nicola Luigi Giorgi ha salutato il pubblico presente al teatro comunale per il quarto incontro pubblico di presentazione del piano 2016-18.

Tante persone, soci, clienti sono venuti ad ascoltare le proposte e le idee che la banca popolare ha stilato per il prossimo triennio. Giorgi ha citato lo scrittore Fernando Pessoa e il libro Il banchiere anarchico in cui si afferma che il progresso dei popoli è un problema di educazione. Uno dei punti cardine della Bplaj è appunto aiutare il territorio secondo il motto Pensare globale, agire locale favorendo l'accesso al credito al maggior numero di persone possibile.

L'anno appena trascorso ha segnato un ulteriore evoluzione della Bplaj con la nascita del nuovo simbolo, un'evoluzione dell'aratro che rimane aratro, simbolo della terra, ma che allo stesso tempo prende il volo sulle ali di un gabbiano: "Trans-ducere, modernità e tradizione, due facce della stessa medaglia".

Dopo l'intervento del presidente Giorgi ha parlato il direttore generale Daniele Salvadori: "Quando si fa una programmazione si fa anche un esame del periodo appena passato, che è quello della crisi 2008-2015. In provincia tutto è un po' ritardato e quindi i segnali della ripresa si vedranno nel 2017". Salvadori, attraverso alcune slide ha mostrato i dati che hanno evidenziato lo stato di salute della banca popolare in cui negli anni di crisi il risparmio è cresciuto dell'85 per cento, i dipendenti sono passati da 91 a 114, le filiali da 14 a 18 con la previsione di aprirne altre due nei prossimi due anni. Lucca, Empoli o Cecina i posti in cui potrebbero nascere le nuove filiali.

Salvadori ha sottolineato che in Toscana il 16 per cento del credito concesso non viene restituito alle banche, dato che scende all'11 per cento a livello nazionale e che si abbassa al 6 per cento per quanto riguarda la Bplaj.

Per quanto riguarda le strategie del prossimo futuro il presidente Giorgi ha spiegato: "Stiamo lavorando a sinergie con altre banche popolari. Istituti che non sono vicini territorialmente e che quindi ci permettono di mantenere la nostra indipendenza".

Tre le direttrici su cui si muoverà la banca di Lajatico nei prossimi anni:

1- patrimonializzazione dell'istituto e qualità del credito

2- gestione del business 

3- efficienza e redditività

Altri punti focali del lavoro di Bplaj sono la centralità del socio e l'importanza e il sostegno alle famiglie. Per quanto riguarda il corpo sociale è stato evidenziato l'obiettivo di abbassare l'età media dei soci. Per questo motivo la banca ha deciso di abbassare il numero di quote necessarie per essere soci, da 100 a 50 (da 5mila a 2500 euro), un provvedimento preso per favorire i giovani. Tra i vantaggi dei soci la possibilità di ottenere mutui a tasso fisso dell'1,65 per cento.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Elezioni

Attualità